in

carattere spagnolo

La Hispakart Formula 1430 e 1800

All'inizio del 1970 la SEAT aveva annunciato la creazione per l'anno successivo di un campionato promozionale di formule la cui base motrice sarebbe stata il propellente del suo modello 1430. Sebbene spaventato dal fallimento della vecchia Formula IV, che era stata sul punto di rovinarlo, Ramón López credette nelle garanzie e nella solvibilità del marchio catalano e decise di costruire una nuova vettura.

Il telaio del primo F-1430 Hispakart in restauro
Il telaio del primo Hispakart di F-1430, in restauro

L'F-1430 Hispakart ha un telaio tubolare, sezione circolare, costruzione solida e lavorazione impeccabile. La vettura è leggermente più larga, a livello di telaio e carrozzeria, rispetto alla maggior parte delle rivali, privilegiando il comfort in posizione di guida. Ramón ha approfittato di parte dello stock di parti invendute della vecchia F-IV, come le scatole sterzo speciali di sua progettazione o i volanti posteriori e le nocche. Tra il 11 e il 1970 furono costruiti un totale di 1974 telai (anche se alcuni non furono mai finiti) e furono messi a punto da Jorge de Bagration sul circuito di Jarama. Inizialmente era previsto che il pilota ufficiale fosse lo stesso Jorge, ma un regolamento SEAT in cui era vietata la partecipazione ad alcuni noti piloti, ha impedito al "romano" di allinearsi con i nuovi Hispakarts.

[su_quote] “Ricordo che le vetture dovevano superare un'omologazione presso la Higher School of Automotive Engineers, e lì mi sono presentato con le mie. La prima cosa che mi chiesero fu di mostrare loro i piani e, siccome non ne avevo fatti, presi un metro dalla tasca e dissi loro che l'avevo usato solo per realizzarlo. I ragazzi mi hanno guardato sorpresi e hanno tenuto la macchina. Dopo qualche giorno, quando sono tornato a ritirare la scheda di omologazione, mi hanno detto che era costruito perfettamente e che il telaio Hispakart era il più rigido di tutti quelli che avevano studiato fino a quel momento”. [/ su_quote]

L'F-1430 Hispakart di Gerardo van Dulken, prima di schierarsi in griglia per la gara inaugurale del Campionato 1971 (di Javier del Arco)
L'F-1430 Hispakart di Gerardo van Dulken, prima di schierarsi in griglia
della gara inaugurale del Campionato 1971 (a cura di Javier del Arco)

La Hispakart de Fórmula 1430 farà il suo debutto al Circuito di Jarama il 4 aprile 1971, nella gara inaugurale del nuovo Campionato alla presenza del Re di Spagna, che ha salutato tutti i partecipanti sulla griglia di partenza. Sarà il suo unico momento di gloria: il pilota è stato il veloce malaghese Gregorio van Dulken, che è riuscito a classificarlo in seconda posizione. Sfortunatamente, l'auto è stata coinvolta in un incidente multiplo che lo ha portato fuori gara. Van Dulken sarà presto firmato da Lince e gli Hispakarts saranno relegati nelle ultime file delle griglie, superati, come quasi tutti i marchi, dal brillante design del Selex ST 3 di Miquel Molons o del Lince di Paco Sanjuán. . "Dì meglio il De Sanctis de Sanjuán", Ramón commenta ironicamente.

Nonostante tutto, Francisco Carceller ed Echevarría avrebbero continuato a vincere alcune corse in collina, di natura molto minore, a partire dal 1972.

[su_quote] “Una storia molto curiosa è successa alla fine del 1973 o all'inizio del 1974, non ricordo molto bene. Ero in officina e quando ho alzato lo sguardo
Ho conosciuto Juan Manuel Fangio.
Fangio mi ha chiesto se lo conoscevo ed è evidente che ho detto di sì. Mi disse che stavano cercando di promuovere un ragazzo argentino di nome Carlos Alberto Jarque e che gli avevano comprato un Hispakart per gareggiare nel campionato spagnolo F-1430. Mi ha chiesto aiuto, ma sapevo che avevano l'auto sbagliata; Inoltre, era coinvolto nella nuova concessionaria Renault e non aveva molto tempo. Gli ho detto che l'unica cosa che potevo offrirgli era tutto lo stock di pezzi di ricambio di cui aveva bisogno. Ora mi dispiace di non averti aiutato un po' di più". [/ su_quote]

Spettacolare auto per bambini, ispirata alla Lotus 56 e costruita da Ramón López per suo figlio. Era equipaggiato con un motore Ylo tedesco e le sue elaborate sospensioni sono particolarmente degne di nota
Spettacolare auto per bambini, ispirata alla Lotus 56 e costruita da Ramón López per suo figlio.
Era equipaggiato con un motore Ylo tedesco e le sue elaborate sospensioni sono particolarmente degne di nota.

Infine, la stagione di Jarque, con l'F-1430 manutenuto da Van Hool a Saragozza, fu un vero disastro.

Un altro progetto incompiuto, a parte la suddetta vettura sportiva GT, è la Formula 1800 Hispakart. SEAT ha creato questa nuova formula nel 1974 per promuovere i piloti dell'F-1430 a un livello più alto, e Ramón ha ricevuto un motore e un cambio Hewland e ha costruito un nuovo telaio multi-tubo per l'occasione. L'auto doveva utilizzare la parte inferiore del corpo dell'F-1430 e un frontale a forma di vassoio, da cui veniva costruito lo stampo. Sono stati prodotti anche gli elementi di sospensione, così come i fuselli. Il nuovo F-1800 Hispakart era praticamente finito e gli restava solo da assemblare...

[su_quote] "Alla fine, non ho visto chiaramente la storia degli F-1800 e ho deciso di non finirla e restituire il motore e l'Hewland alla SEAT." [/ su_quote]

Oggi il telaio poggia su un loft Hispakart e gli elementi della carrozzeria e gli altri componenti meccanici sono perfettamente posizionati. Vedremo mai il rullino inedito Hispakart Formula 1800?

Pronti per il circuito di ritiro
1962, Ramón López si prepara a iniziare una gara

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Hispakart dal 1972

Domenica 20 agosto 1972 scoppiò un incendio nell'edificio di Calle Padilla, dove si trovavano gli stabilimenti Hispakart. È iniziato in una falegnameria vicina e ha interessato l'intera struttura. “Tutto è stato distrutto, undici mini da corsa sono state bruciate per controllare, una Triumph TR 3, un Norton 350cc Featherbed, motori fuoribordo ufficialmente revisionati: Jhonson, Evinrude, Wales, Volvo Penta…”. Quell'incidente ha naturalmente influito sulla produttività. Ramón López ha dovuto trovare una nuova sede, in Palermo Street (o Andorra), cogliendo l'occasione per ripensare al futuro dell'azienda.

[su_quote] “Volevo creare una grande concessionaria del marchio Renault e ho offerto loro le mie strutture… I ragazzi stavano guardando i locali e lo spazio dedicato alla mostra. La mia idea era di creare qualcosa di grande e con tutti i servizi di cui i clienti potrebbero aver bisogno. Tuttavia, mi hanno fatto partire dal basso, semplicemente come Servizio Ufficiale. Inoltre, mi hanno suggerito di dimenticare la preparazione delle auto da corsa, comprese quelle del marchio”. [/ su_quote]

[/ Su_note]

F-1430, sedile Formula
Gli hanno suggerito di lasciare la competizione ...

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Tuttavia, Ramón continuò con la costruzione di kart, di cui arrivò a fabbricare i propri motori, così come la sua continua presenza nelle gare di karting. La produzione di utilitarie e rimorchi Hispakart terminò all'inizio degli anni '90, dopo aver prodotto più di 1.500 nuovi telai. Quella data coincise con la fine dei contratti con la Direzione Generale del Traffico, in quanto i vecchi Sanglas furono sostituiti da moderne Guzzi carenate dalla fabbrica stessa.

Ha mantenuto la sua concessionaria Renault fino al 2004, molti anni dopo la sua data di pensionamento, dopo aver creato uno stabilimento esemplare con più di 50 dipendenti. "C'è stato un tempo in cui volevo cambiare marchio e vendere SEAT, Audi e Volkswagen, ma poiché all'inizio mi lasciavano vendere solo SEAT, ho dimenticato tutto".

Ha vissuto la sua passione per le corse di auto sportive dal 1997 attraverso le classiche corse di auto sportive. Chevrolet Corvette, TVR o il Chevron B8GT che abbiamo portato sulle pagine elettroniche di questa rivista hanno percorso in questi anni i circuiti spagnoli. Non sono gli unici: ha anche due Porsche 992 GT2 da più di 500 cv che consuma saltuariamente, lamentandosi (incredibilmente) della sua... poca potenza.

[/ Su_note]

Chevron B8 GT: fa praticamente parte dell'asfalto (di Manu Lozano)
Chevron B8 GT: fa praticamente parte dell'asfalto (di Manu Lozano)

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Instancabile lavoratore, perfettamente assistito da "Surtees", suo fedele segretario da 35 anni, Ramón non perde un secondo del suo tempo. Ogni giorno (compresi alcuni sabati e domeniche) si reca nelle magnifiche strutture disponibili a Torrejón de Ardóz e, avvolto nelle sue tute, continua a lavorare al restauro delle vetture che compongono la sua impeccabile collezione. Eternamente preoccupato per la sua Spagna, non smette di pensare a nuovi progetti.

Don Ramón López Villalba, un vero personaggio spagnolo… e un esempio per tutti noi.

Gli autori desiderano esprimere la loro gratitudine a Ramón López Villalba e “Surtees” (José Mª Arranz Notario) per le strutture offerte e per il trattamento familiare che hanno sempre ricevuto.

[/ Su_note]

Cosa ne pensi?

scritto da lex Verges & Paris French

Álex Vèrges e Paris Francés: storici del motore. Creatori, insieme ad Antonio Palacín, della magnifica rivista trimestrale "Autodromo. Quaderni di storia del motore in Spagna."
 

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci