in

carattere spagnolo

Ramón López Villalba (Madrid, 8 luglio 1931) aveva completato gli studi superiori in meccanica mentre svolgeva il servizio militare presso la Scuola di specialisti dell'aviazione, nel 1952 a León. Alla fine entra in azienda ad Aviaco e poi in Iberia, svolgendo funzioni di meccanico di pista, cosa che non lo convince del tutto.

[su_quote] "Volevo fare il meccanico di volo, ma non c'è mai stato un posto per questa posizione, così nel 1956 decisi di lasciare tutto e andai a lavorare nel garage di mio padre in Padilla Street." [/ su_quote]

È in questo garage che Ramón López applicherà le sue conoscenze meccaniche a innumerevoli veicoli, costruendo per loro numerosi pezzi di ricambio con le sue mani e il tornio. "Ho lavorato con auto normali e non ho mai realizzato telai per moto, come a volte è stato scritto".

Ramón López alla guida
Ramón López, pilotaggio

Un giorno del 1958, in officina si presentò il noto pilota di motociclette Demetrio del Val.

[su_quote] “Demetrio veniva da un viaggio negli Stati Uniti e mi parlava dei kart che aveva visto lì; così ho iniziato a costruirne uno per lui,
utilizzando un motore Montesa e ruote Vespa. » [/ su_quote]

Questo kart e quello che, coincidendo nel tempo, veniva costruito dal catalano Jordi Estela al Velodromo Mostajo di Barcellona, Sono i primi costruiti in Spagna e indiscutibili precedenti del karting nel nostro Paese.

Sarà solo nel 1960 che Ramón ne costruirà di nuovo un'altra, questa volta equipaggiata con un motore Bultaco dalla nuova moto del suo amico portoghese Serafín Martins. "Abbiamo costruito questo kart in cinque notti e fa più di cento chilometri all'ora, i 600 non hanno niente a che fare con noi..." dichiarato con orgoglio alla stampa dell'epoca. Fu battezzato "Modello" e registrato da Martins nella prima gara di kart svoltasi nel Parco del Retiro di Madrid il 1 novembre 1960, dove avrebbe ottenuto la vittoria.

Ramón López e Serafín Martins circolano con apparente tranquillità per le strade di Madrid
Ramón López e Serafín Martins circolano con apparente tranquillità per le strade di Madrid

Le origini di Hispakart

Nel 1961 si verifica un evento epocale che trasformerà radicalmente il personaggio dilettante o "casa" nelle produzioni di Ramón López. Demetrio del Val gli aveva commissionato la costruzione di 12 nuovi kart, venduti senza marchio nelle Isole Canarie. Dopo qualche tempo, i clienti delle Canarie volevano contattarlo per ordinare nuove unità, ma non riuscivano a localizzarlo...

[su_quote] “Alla fine mi hanno trovato, ma gli è costato molto. Ho capito che avevo bisogno di un marchio per poterli commercializzare. Inizialmente pensavo di usare ESPAKART, ma a quel tempo le moto VESPACAR venivano vendute ed era un nome molto simile. Alla fine ho deciso che il marchio sarebbe stato HISPAKART”. [/ su_quote]

Una volta stabilito questo, il passo successivo è stato quello di formare una squadra di kart che riunisse i principali piloti di Madrid. Ramón ha creato nel 1962 una delle squadre più importanti che siano mai esistite in Spagna, la famosa squadra "Los Diablos Rojos". Era composto dallo stesso Ramón, Serafín Martins e dal militare nordamericano della base aerea di Torrejón de Ardoz, Robert Shelton. "Ogni gara a cui abbiamo partecipato potrebbe essere classificata come di natura internazionale"dice lo stesso Ramón sorridendo.

Uno dei Red Devils nel Parco del Retiro di Madrid
Uno dei Red Devils nel Parco del Retiro di Madrid

Equipaggiato con telai Hispakart e con motori Mc Culloch, di cui aveva ottenuto assistenza tecnica insieme a Homelite e altri marchi, “Los Diablos Rojos” vinceva le gare ovunque andassero. Tra il 1962 e il 1965 la lista dei trionfi è infinita: Torrelavega, Gijón, Málaga, Castellón, Logroño, Andújar, Torrejón, Cáceres, Albacete, Ávila, Siviglia, Alcalá de Henares, Santoña… sono alcune delle scene dei suoi successi.

[su_quote] “Una delle vittorie più importanti è stata la Prima Sei Ore di Malaga, nel 1962, in coppia con Serafín Martins e seguita da Robert Shelton e Virgilio Ribadulla con un altro Hispakart. Considero però di maggior valore sportivo il sesto posto nella 200cc ottenuto al Gran Premio Internazionale di Barcellona, ​​che si è corso sulla Diagonal e in cui mi sono qualificato come primo pilota spagnolo”. [/ su_quote]

La Chevrolet Bel Air del team, pronta a partire per le gare, annota il numero di kart trainati dal piccolo rimorchio
La Chevrolet Bel Air del team, pronta per le gare.
Nota la quantità di kart che stava trascinando il piccolo rimorchio

Ramón López era un habitué delle gare di Barcellona, dove ha brillato davanti a piloti di levatura internazionale, come gli americani Bob Allen e Jeff Crumb.

[su_quote] “Barcellona era dove c'era più interesse e dove si correvano gare importanti; A Madrid, invece, tutto era un problema. Dopo l'incidente mortale di José Pujol sul circuito del Retiro nel 1962, non ci hanno permesso di organizzare gare né lì né alla Casa de Campo né al Parque del Oeste, quindi abbiamo dovuto correre su un circuito disegnato presso la base aerea di Torrejón o sulla pista sopraelevata del Palazzetto dello Sport, fino a quando anche noi siamo stati interdetti quando una ruota allentata ha ferito uno spettatore. Ma grazie, da un lato, ai proprietari della Motocine de Barajas (che non ha mai funzionato come tale), che sono stati così gentili da farci correre nelle loro strutture (dove ho dovuto disegnare il circuito e mettere i coni e le gomme) e D'altra parte, a Don Agustín Sabio, Segretario della Federazione dei Centri Automobilistici, che con grande entusiasmo ci ha aiutato nella stesura dei regolamenti, nei tempi, nella compilazione delle classifiche e nel pagamento dell'assicurazione mantenendo lo sviluppo del campionato, siamo stati in grado di continuare a competere”. [/ su_quote]

Il team “Los Diablos Rojos” posa al completo dopo aver vinto il Mc Culloch Trophy del 1963, da sinistra a destra, Robert Shelton, Ramón López e Serafín Martins
Il team “Los Diablos Rojos” posa in pieno dopo aver vinto il Mc Culloch Trophy 1963.
Da sinistra a destra: Robert Shelton, Ramón López e Serafín Martins

Nel 1964 viene tolto il veto, disputando il Trofeo XXV Anni della Pace al circuito del Retiro, dove Ramón ottiene una brillante vittoria e dove compare per la prima volta in una gara di kart un pilota che sarà fondamentale nella storia di Hispakart: Jorge de Bagration, che si classifica in seconda posizione con un telaio del marchio.

Ormai Hispakart era già diventato uno dei principali riferimenti del karting in Spagna. La Direzione Generale del Traffico gli aveva commissionato la realizzazione dei kart dei suoi famosi Children's Traffic Park, nonché le carenature, le valigie e i vari accessori, tra cui alcuni rimorchi, che erano equipaggiati con le moto Sanglas della Guardia Civil. A livello sportivo, Ramón López gareggerà anche nei Campionati del Mondo di Karting, svoltosi a Roma nel 1964 e 1965, dove otterrai una classifica discreta ma che ti permetterà di condividere le gare con futuri assi del motorsport come Toine Hezemans o Ronnie Peterson.

Ramón López al volante di un telaio Hispakart equipaggiato con un Bultaco 250 con cambio
Ramón López al volante di un telaio Hispakart equipaggiato con un Bultaco 250 con cambio

 

Continua Pagina 2…

Cosa ne pensi?

scritto da lex Verges & Paris French

Álex Vèrges e Paris Francés: storici del motore. Creatori, insieme ad Antonio Palacín, della magnifica rivista trimestrale "Autodromo. Quaderni di storia del motore in Spagna."
 

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci