ford capri
http://www.autogaleria.hu -
in

Mi piaceMi piace

Ford Capri RS2600. 50 anni di vittorie nel Campionato Europeo Turismo

Nata come adattamento della Mustang al mercato europeo, la Ford Capri era una vettura sportiva dotata di una variegata gamma di motori dove spicca la versione RS2600 del 1971. Una vettura sportiva con una vorace sete di vittorie, che si è aggiudicata la vittoria con il suo V6 nel Campionato Europeo Turismo 1971 e 1972.

Se dai una rapida occhiata alla classifica del Campionato Europeo Turismo nei suoi primi giorni, c'è un marchio che si distingue dagli altri. BMW. Ed è che, sebbene fino al 1969 sia ricorrente vedere modelli come l'Abarth 1000 TC o l'Alfa Romeo 1600 GTA la realtà è che dal 1966 la casa bavarese è onnipresente. Prima con le sue 2000 e 2002, ma dal 1973 con la 3.0 CSL. Il dominatore delle corse di auto da turismo negli anni 'XNUMX, che ha vinto sei volte i titoli piloti e costruttori.

Una macchina progettata per i circuiti. Succedono solo la 320 e la E24 con cui la BMW perpetuò il suo regno fino alla fine della prima stagione del campionato nel 1988. Tuttavia, tra questa cavalcata trionfale ci sono due stagioni in cui si insinuò un'auto inaspettata: la Ford Capri RS2600. La sella di Dieter Glemser e Jochen Mass per i loro titoli di Campione Piloti rispettivamente nel 1971 e nel 1972. Modello che, rientrando ancora nella classifica costruttori contro Alfa Romeo, ha dimostrato le ottime capacità di questa "pony car" di stampo europeo.

Dando così prestazioni di prestigio ad un modello già amato da molti piloti con velleità sportive, essendo una delle vetture sportive più interessanti di inizio decennio. Certo, mai senza perdere la prospettiva che La Capri RS2600 con il suo V6 è molto più vorace delle versioni base a quattro cilindri in linea da 1 litri. Ecco perché, insieme al suo peso e al buon comportamento dinamico, era la base perfetta per conquistare la vittoria nel Campionato Europeo Turismo, che ha ormai mezzo secolo di vita.

FORD CAPRI. UN MUSTANG PER IL MERCATO EUROPEO

Sebbene la Ford Mustang rappresenti insieme alla 911 e alla Corvette una delle grandi saghe sportive di tutti i tempi, la verità è che non è un modello adatto allo stile europeo. Grande. Con un passo generoso. Più pesante del necessario e con un comportamento lento e sottosterzo in curva. Caratteristiche che la tradiscono come un'auto pensata per scatenare la sua potenza sui lunghi rettilinei americani. Ma non su strade di montagna o circuiti europei. Infatti, Solo nelle mani di Jacky Ickx la Mustang è stata in grado di ottenere risultati rilevanti nelle gare di auto da turismo in Europa..

Tuttavia, nel bene e nel male, il certo fascino di questa vettura l'ha resa un bestseller sin dalla sua introduzione nel 1964. Ecco perché Ford ha considerato la comodità di portare la formula Mustang dall'altra parte dell'Atlantico. Affidando alla sua divisione europea il progetto di realizzare un "Macchina pony" all'europeo nel modo in cui GM ha fatto con i suoi Opel Manta appena un anno dopo. Quindi le cose, Nel 1969 Ford Europe presentò alla Capri un design sobrio ma non privo di fascino di Philip T. Clark -lo stesso designer della Mustang-. Una prima generazione che sarebbe stata aggiornata nelle sue prossime evoluzioni da Uwe Bahnsen. Responsabile quindi dell'iconica Capri MkIII del 1978.

Sotto le sue linee era nascosta una vasta gamma di meccaniche. Che andava da 1 litri e 3CV della versione base ai 70CV del 188'2 Turbo. Una vasta gamma dove nel settembre 8 fu inserita la Ford Capri RS1971. Un'evoluzione ancora più sportiva pensata per essere omologata in Gruppo 2 per vetture turismo e rally. Tutto questo grazie a un motore da 2 litri basato sul fortunato V6 Cologne in ghisa. Un blocco motore che è stato in produzione dal 6 al 1962. Che è stato messo a punto sulla Capri RS2011 con un sistema di iniezione per arrivare fino a 2600CV.

CAPRI RS2600. VINCI DOMENICA. VENDO IL LUNEDI'

Sebbene Ford non sia riuscita a trasformare la Capri nel fenomeno globale che è stata -ed è- la Mustang, ne sono state vendute circa 400.000 unità in poco più di due anni. Un successo assoluto. Ancor di più se guardiamo alla cifra di 1 milioni di unità durante le sue tre generazioni e diciassette anni di attività. Alcuni dati piuttosto eclatanti, tra i quali troviamo versioni specifiche come la Capri RS2600 di cui sono stati realizzati solo 3532 esemplari. Una produzione più corta, perché questa è stata per un periodo la più sportiva e rabbiosa. Perfetto per una campagna pubblicitaria che obbediva al motto Ford "vinci domenica, vendi lunedì".

Un veicolo che quelli di Ford Motorsport Europe hanno preso dalla loro sede in Germania come base perfetta per la Capri RS2600 Gruppo 2. Un'auto così ben messa a punto che, sin dal suo debutto nel Campionato Europeo Turismo, ha iniziato a divorare i primi posti senza problemi . In effetti, il unità con cui stiamo illustrando questo articolo -vincitore dell'edizione 1971- ha vinto otto delle dieci gare della stagione. Una capacità travolgente che ha coronato con una storica vittoria alla 24 Ore di Spa. Poco prima di essere primo nella 4 Ore di Jarama il 3 ottobre dello stesso anno.

La prima gara con la Capri RS2600 disponibile in versione stradale, visto che la competizione mieteva successi sui circuiti sin dall'inizio dell'anno. Successi che ripeté servendo per il rinnovo del titolo piloti del Campionato Europeo Turismo nel 1972. Per due anni consecutivi al vertice della competizione per modelli della sua categoria. A ciò si aggiungono versioni da rally come quella guidata da Walter Rohrl nello stesso 1971 in cui la Capri RS2600 si afferma come una delle auto sportive più emozionanti dei primi anni settanta.

Fotografie: Ford / Gipimotor

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci