in

Bugatti in Scozia

El Incontro Internazionale Bugatti si celebra ogni anno in un paese diverso. Due anni fa hanno visitato il nostro paese, e i (maledetti) esami non mi hanno permesso di venire a vederli. Ma il tempo mi ha riservato una bella sorpresa: la meta scelta quest'anno è stata la Scozia, in una data in cui ero lì.

Vedere una Bugatti senza aspettarla è emozionante. Uno "fascio" per fare foto, per parlare con il proprietario (se si ha la fortuna di vederlo fermo), e si aspetta anche che riparta per fare un video dell'auto in movimento e, se possibile, riempirsi con il fumo.

Qualcosa del genere mi è successo qualche settimana fa ad Edimburgo, la capitale della Scozia, ma moltiplicato... per più di 50! Tanto che sono tornato a casa con un odore simile a quello che hai quando hai passato la giornata chiuso in un'officina a testare una vecchia macchina.


Didascalia
Questi incontri sono un vero museo mobile

Mi ha colto quasi di sorpresa nonostante fossi ben informato sugli eventi motoristici che si svolgevano in quel paese, e quando ho chiesto agli organizzatori perché la quasi totale assenza di pubblicità per un evento di questo calibro, la risposta è stata molto semplice. : "Nelle ultime edizioni abbiamo deciso che visto l'alto valore delle vetture raccolte, è meglio non pubblicizzarlo troppo".

La Scozia è un paese freddo e umido ma offre paesaggi, monumenti e strade davvero impressionanti. A questo si aggiunge quello che è un luogo abbastanza tranquillo, senza ingorghi, e, infine, quello che quest'anno festeggia i 50 anni del Bugatti Owners Club, il più importante del marchio e che ha origini britanniche, tanto che era chiaro che la scelta del luogo in questa edizione sarebbe stata dall'altra parte della Manica.

L'evento è durato un'intera settimana (16-22 giugno) e ha coperto praticamente tutta la Scozia per un totale di quasi 600 miglia. Il paese di Loch Ness (un luogo che è stato anche visitato) non è così grande come sembra, tanto che il percorso pianificato molte volte è arrivato a descrivere cerchi intorno alla stessa zona, cosa che con la varietà di paesaggi che l'orografia scozzese offre non è deve essere stata la causa di un problema.

Didascalia
Tipo 57 Atlantic, di solito non hai la possibilità di vederlo per strada

Come di solito accade in questo tipo di riunioni, la partecipazione è la più varia in termini di provenienza e diversità di modelli. Quest'anno c'erano proprietari registrati da più di 16 paesi e praticamente ogni modello Bugatti prima del 1945 poteva essere visto.

In effetti a questa edizione non ha partecipato nessuna delle attuali “Veyron”, che a mio modesto parere sono abbastanza stonate in questo tipo di eventi… ma non c'erano nemmeno le Type 101 degli anni '50; assolutamente tutti i Bugatti presenti erano modelli pre-seconda guerra mondiale.

In questa sorta di museo monotematico mobile si potevano vedere quasi tutte le Bugatti anteguerra, se si escludono modelli unici come la Type 43 a trazione integrale, i primi Type 15 o 17 prima della famosa “Brescia” o la gigantesca Royale, normalmente impossibile da vedere fuori dai musei.

Didascalia
Tipo 59 del 1935, o una delle risposte di Bugatti alle auto da corsa tedesche degli anni '30

tabù Bugatti

Tra tutti loro è difficile evidenziare qualcuno, ma un rarissimo Type 59 della metà degli anni '30 era particolarmente sorprendente, una vera Formula 1 del suo tempo con un abitacolo stretto in cui fare 600 miglia non dovrebbe essere proprio comodo.

Utilizzata ai suoi tempi da assi del volante come Tazio Nuvolari, monta un 8 cilindri in linea da 3.257 cc, doppio albero a camme in testa e compressore che eroga 250 CV di potenza. Anche i loro cerchi in alluminio con una sottile rete di cavi hanno attirato fortemente l'attenzione, che nei circoli "Bugattista" sono conosciuti come "cerchi di pianoforte", forse perché il loro design ricorda il complicato interno di questi strumenti.

I suoi fortunati e simpatici proprietari erano in buona forma e disposti a continuare a fare lunghi viaggi nella loro auto da corsa. Di fronte alla domanda forse indiscreta se l'auto fosse originale, commentarono senza alcun problema che si trattava di una "ricostruzione" con parti nuove dal telaio originale numero 8, l'ultimo costruito nel 1935.

Didascalia
Un T57 SC non troppo rispettoso della sua originalità

Questa è una domanda che è certamente tabù nel mondo Bugattis, Da anni praticamente tutte le parti necessarie per assemblare, ad esempio, un T35 completo sono state prodotte nuove.

Per questo, nonostante l'altissimo livello della manifestazione c'è sempre sgattaiolare Veicoli non originali: vedi se non lo stravagante Type 57 SC con carrozzeria in alluminio a vista. L'auto attirò gli occhi di un vasto pubblico grazie alla sua carrozzeria sportiva lucida sormontata da numerosi rivetti e dettagli in pelle, ma era comunque un curioso intruglio.

La carrozzeria è una replica basata sul famoso modello Burago in scala 1/18 che tanti di noi hanno avuto nelle nostre vetrine, e che a sua volta riproduce una Bugatti che è attualmente esposta nel museo di Shinsheim. L'auto partecipante aveva anche numerosi dettagli inventati e il telaio era probabilmente di recente fabbricazione, anche se questa volta lo era, copiando fedelmente l'originale.

Didascalia
Non si sa mai se è tutto oro quel che luccica, ma questo T37 "sciatto" ha un bell'aspetto

Anche l'organizzatore non ha avuto problemi a commentarmi apertamente davanti a un T37 con la vernice opaca e qualche sbeccatura che "è molto meno vecchio di quanto il proprietario voglia sembrare" e questo è qualcosa che accade di frequente, soprattutto negli ambiti modelli di concorrenza.

Come gli organizzatori, di solito i titolari con cui ho avuto modo di parlare (e sono stati tanti) hanno mostrato gentilezza e simpatia non comuni, soprattutto quando è stata dimostrata una certa conoscenza della sua macchina, anche se minima.

Non era raro che si offrissero di spiegare il funzionamento di questo o quel comando da cruscotto, come l'indispensabile leva per dare pressione al circuito dell'olio che tutte le Bugatti hanno fino agli anni '30 inoltrati, e che è comune dover usare prima di ogni partenza, o aprire il cofano per mostrare il motore, o raccontare la storia di un'auto che appartiene alla stessa famiglia da anni e anni.

Didascalia
Macchina sportiva tipo 55 dell'americano Peter Mullin

Era il caso di una vecchia T30 del 1924, il cui anziano proprietario spiegò di aver acquistato l'auto nel 1958 e che da allora non aveva ricevuto nemmeno una mano di vernice. Non è però tutto oro quel che luccica, e questa vettura dall'aspetto molto originale aveva ricevuto una modifica al posteriore: era una Roadster, ma per problemi di spazio è stata modificata creando una coda arricciata negli anni '60.

È stato anche curioso vedere come partecipassero intere famiglie sparse in diverse Bugatti, o la presenza di volti noti in questo mondo come quello del nordamericano Peter Mullin.
Recentemente è stato parlato in La Scuderia sul museo che questo ricco collezionista possiede in California, Non è stato meno impressionante vedere il team di meccanici e assistenti che era stato portato dagli USA in Scozia per avere sempre pronto il loro prezioso T55.

Questa particolare vettura ha una storia ben nota che include una partecipazione alla 24 Ore di Le Mans nel 1934, una gara che non si è mai conclusa. La sua originalità e il suo passato lo hanno portato a raggiungere un prezzo di 2.097.500 euro quando è stato messo all'asta quattro anni fa dalla rinomata casa Bonhams.

Didascalia
Tra tutti i presenti prenderei questo Type 40 del 1929

Io, invece, tra purosangue e dispositivi imponenti, se potessi scegliere, penso che rimarrei sulla piccola roadster T40 del 1929. Il suo accurato restauro e l'accattivante combinazione di colori sulla graziosa carrozzeria disegnata da Jean Bugatti mi hanno fatto passare un buon momento, anche se le sue prestazioni e il suono non sono così spettacolari come quelli di altri modelli.

Sarà che ho dei gusti un po' strani, perché è vero che in moto si godono molto di più i ruggiti e l'odore forte di olio e benzina dei modelli da competizione, che va "in crescendo" dai piccoli T37 a 4 cilindri alla brutalità dell'51 cilindri Tipo 8 doppia camma, passando per la famosa T35, Brescia... Anzi, perché illuderci, Qualsiasi Bugatti in movimento produce sensazioni indescrivibili!
 
 
link_flickr
 

 
bugatti_meeting_2013_8
 
 

Vota questa notizia e Commento!

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci