Ferrari pinin
A breve sembra che la Ferrari farà uscire il suo SUV, ma c'era già un "cavallo" a quattro porte... Fonte: RM Auctions.
in

Diverso, ma non sacrificale: Ferrari Pinin

Il suono dei suoi potenti motori, la sportività del suo comportamento, i suoi corpi aerodinamici ... Con la storia di Ferrari alla mano, nessuno dubita che il “cavallo”È il più grande esponente delle corse automobilistiche sportive. E improvvisamente… un fuoristrada. Sì, uno di quei modelli che inondano le concessionarie con il suo mix impreciso di famiglia, fuoristrada, turismo... Qualcosa che non si sa bene cosa sia e se davvero non sarà altro che una moda passeggera, ma che a questo momento è arrivato per sedurre anche un marchio definito come Ferrari.

I motivi per cui la Ferrari fa questa svolta di 180º nel suo schema perfettamente definito di eleganti veicoli a due porte di solito con trazione posteriore. Non è mai stata un'azienda che ha avuto bisogno di soddisfare un consumatore medio. È vero che ha avuto momenti economici di tensione... ma non ha mai mutato la sua essenza, nemmeno quando è stata acquistata dalla Fiat.

Ipotesi a parte, la verità è che La Ferrari ha già flirtato una volta con la possibilità di prendere un modello lontano dal suo schema tradizionale. Un modello che, nonostante avesse ancora un baricentro molto basso... Aveva quattro porte! Il risultato di quei progetti è stato l'unico salone che ha portato il timbro del “Cavallino Rampante”. E non solo come modello, ma come esempio, visto che i curiosi Ferrari pinin è stata realizzata una sola unità.

LA MENTE INQUIETATA DI SERGIO PININFARINA

Don Chisciotte e Sancio. Sherlock Holmes e Watson. Nella storia ci sono nomi che sono indissolubilmente legati, anche in quella dell'automobile. Ed è quello? se parliamo di Ferrari… dobbiamo farlo anche di Pininfarina. La mitica casa di design fondata a Torino nel 1930 da Giovanni Battista”Pinin”Farina, responsabile di aver plasmato e firmato gran parte delle scocche con cui la Ferrari veste i suoi meccanici.

Una firma leggendaria che nel 1980 aveva 50 annis con l'intento di celebrarlo in grande stile presso il Salone di Torino. Per questo Sergio Pininfarina -figlio del fondatore e continuatore della saga- ha deciso di raccogliere una selezione dei design che l'azienda aveva sviluppato per Alfa Romeo, Lancia, FIAT, Maserati o Ferrari. Tuttavia, voleva anche presentare qualche prototipo assolutamente radicale e inaspettato. Era tempo di pensare.

E pensando, Sergio Pininfarina notò che il motore italiano non aveva nessuna berlina di grossa cilindrata capace di competere con la Jaguar XJ o la Mercedes 450. Beh, nessuna... No. C'era la terza generazione della Maserati Quattroporte, equipaggiato con un V8 di quasi 300 CV ... Ma poiché questo era un progetto del suo rivale Giugaro, non l'ho preso in considerazione.

Quindi le cose Sergio Pininfarina ha deciso di affrontare il “comandante”Per offrirti qualcosa di totalmente inaspettato: una berlina Ferrari. Un progetto che, lungi dall'essere scandaloso Enzo Ferrari... sembra averlo amato.

IL TELAIO DI A 2+2 CON IL MOTORE DI UNA BERLINETTA

La Ferrari non aveva mai realizzato una berlina, quindi quando i suoi ingegneri ricevettero i progetti da leonardo fiorivanti... Hanno dovuto affrontare la sfida di fare qualcosa di loro sconosciuto. Come mettere in pratica quella carrozzeria senza perdere un briciolo della sportività Ferrari? Per rispondere a questa domanda, hanno iniziato a sviluppare il modello dal telaio di una 400GT, la coupé rettilinea 2+2 realizzata tra il 1976 e il 1979.

L'idea era geniale, perché sebbene la 400GT fosse una coupé sportiva a due posti, il suo passo di 2746 mm era sufficiente per supportare una carrozzeria a quattro porte. Infatti, la Pinin è solo pochi pollici più lunga della 400GT, raggiungendo i 4821 mm di lunghezza. Il problema era l'altezza, nello specifico nel cofano: questo non poteva essere eccessivo per non spezzare la linea aerodinamica di una berlina potente, quindi... serviva un motore il più possibile"piano"possibile.

Questo è stato il motivo per cui la Pinin ha ereditato il telaio dalla 400GT ma non il motore V12. E, per quel foro necessariamente tagliente lasciato dal cofano anteriore di questa berlina... Ferrari ha pensato a un motore a cilindri opposti. Sì, in particolare nello stesso che ha spinto il mitico e rabbioso 512 Boxer Berlinetta. Pertanto, le prestazioni di questa quattro porte sono fissate a 360CV forniti da un motore da 5 litri con doppio albero a camme e quattro valvole in ciascuno dei suoi 12 cilindri. Non è affatto male ...

Per adattare la distribuzione dei pesi è stata scelta una configurazione "transaxle”, Con cui il motore anteriore invia la sua potenza al cambio manuale a 5 marce situato sull'asse posteriore. In breve, che sebbene dall'esterno siamo di fronte a un salone ... Sotto questo corpo unico c'è un autentico "cavallo"Galoppato.

UN ESERCIZIO DI PROGETTAZIONE ALL'ALTEZZA DEI 50 ANNIVERSARI

Al di là dell'ottimo lavoro della Ferrari, la verità è che Pininfarina ha realizzato una vera meraviglia futuristica con il design della Pinin. Ed è che, analizzandolo con calma, si scoprono i dettagli di design più innovativi. Nascondendo, ad esempio, il montante centrale dietro i vetri fumé, eliminando così quella forma che divide nettamente in due le berline quando le si vede di lato.

All'interno, la pelle trattata si combina perfettamente con un cruscotto cautamente futuristico sul cui cruscotto si potevano vedere solo gli indicatori all'accensione dell'auto e con esso le luci dell'auto. Come per l'ottica posteriore firmata Carello, che si mimetizza nella metallizzazione della scocca fino a quando, all'accensione, si intravedono due generosi rettangoli luminosi.

Nel complesso, il design Pinin è un'elegante somma di linee rette ma non necessariamente spigolose. Un superbo esercizio in pieno stile anni '80, mai prodotto in serie nonostante l'entusiasmo di Enzo Ferrari per il prototipo. Avresti paura di iniziare il decennio che ha segnato il periodo d'oro delle supercar con una berlina? Forse pensavano che questa nicchia di mercato fosse già coperta dalla vicina e quasi sorella Maserati?

Ancora oggi non si conoscono i motivi che hanno lasciato la Pinin allo stato di prototipo. Solo uno singolo esemplare appartenuta per anni al pilota e collezionista Ferrari Jacques Swaters, essendo stato rivenduto per l'ultima volta nel 2015 per più di euro 1.200.000. Una vera rarità che solitamente viene esposta nel in Museo Ferrari all'interno di una sezione dedicata a Pininfarina in cui, quando finalmente vediamo il SUV Ferrari, possiamo ricordare che già nel 1980 circolava a Maranello l'idea di fare una Ferrari qualcosa di diverso ma non sacrilego.

[your_youtube url = »https://youtu.be/hjF5Sirq1y8 ″]

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci