berlet t100
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso Ma cosa??Ma cosa?? LOLLOL

Berliet T100. Il colosso da 50 tonnellate progettato per le sabbie dell'Algeria

La colonizzazione francese in Algeria ha generato veicoli adattati alle sabbie del deserto. La più famosa è senza dubbio la Citroën 2CV Sahara con un motore su ogni asse. Tuttavia, anche giganti come la Berliet T100 sono stati illuminati. Un camion di cinquanta tonnellate progettato per trasportare altri cinquanta di carico con l'estrazione mineraria come principale utilità in vista.

Il 3 luglio 1962 la Francia riconobbe l'indipendenza dell'Algeria dopo anni di violenze sempre più intense. In questo modo si pose fine a un lungo processo di occupazione in cui i coloni dovettero affrontare i rigori del deserto fin dal 1830. Rigori che richiedevano un affinamento delle tecniche di irrigazione, ma anche innovare con mezzi di trasporto adatti ad un terreno ostile a qualsiasi mezzo a motore. In questo senso, l'automobile più significativa è stata la Citroën 2CV Sahara. Forse la versione più ambita del modello dai collezionisti, definita dotando ogni assale di un proprio motore.

L'unico modo in cui gli ingegneri Citroën sono stati in grado di soddisfare le esigenze dei coloni e dei militari in Algeria, che dopo la seconda guerra mondiale hanno vissuto un ambiente sempre più aggressivo. Così, Sapendo che i loro giorni come colonia erano contati secondo il Fronte di Liberazione Nazionale ottenendo il sostegno delle masse algerine, si lanciarono in una feroce ricerca di risorse.. Tra questi spiccava il petrolio. Necessario per alimentare la crescente industria nazionale e trovato in depositi profondi nelle sabbie del Sahara.

Situazione geografica che ha posto una notevole sfida per la logistica, poiché l'accesso è difficile a causa non solo dell'assenza di strade ma anche della volubilità delle sabbie. così È sorto il paradosso che la tecnologia all'avanguardia per estrarre il petrolio doveva essere trasportata dai cammelli. Un'opzione complessa, dal momento che alcuni pezzi erano troppo pesanti per essere trasportati sul dorso degli animali. Pertanto, le aziende francesi desideravano la risposta in grado di trasportare un grande carico senza rimanere intrappolate tra le dune. Qualcosa che finalmente è arrivato quando la Berliet T1957 è stata introdotta nel 100.

berlet t100

BERLETTO T100. L'ARRIVO DEL GIGANTE DAL DESERTO

soprannominato "Il gigante del deserto" Il Berliet T100 è un mito nella storia dei camion. A prima vista il motivo è ovvio, dal momento che con i suoi più di cinque metri di altezza e quindici di lunghezza è impossibile non notarlo. Inoltre, il suo peso di cinquanta tonnellate a vuoto viene utilizzato per trasportare fino ad altre cinquanta di carico. Una somma pari a quanto peseranno circa settanta o ottanta autovetture del segmento C. Tuttavia, il vero fascino della Berliet T100 risiede non tanto nelle sue dimensioni quanto nel suo comportamento dinamico.

berlet t100

Termine che sembra più tipico delle auto da rally leggere, ma in questo caso è perfettamente applicabile grazie alla prodigiosa capacità di questo camion di superare terreni dove altri sarebbero rimasti intrappolati. Ma come? Ebbene, per questo, la prima cosa da tenere in considerazione è il modo in cui è stata progettata. A cominciare dal pneumatico più grande della Michelin, con più di due metri di diametro e quasi una tonnellata dopo averlo accoppiato al cerchio. Da lì, viene montato un telaio in cui ci sono tre assi con sei ruote in totale.

Qualcosa che ci porta al primo grande problema da risolvere nella progettazione della Berliet T100: la trazione. Ovviamente, parlando di tale stazza in concomitanza con il deserto instabile, era necessario trasmettere al suolo la potenza del motore in modo omogeneo. Per questo, a sistema di trazione integrale in cui guidano tutti e tre gli assi. Un notevole sforzo ingegneristico che richiedeva una grande potenza per muoversi. Arriviamo così al secondo punto chiave nella produzione della Berliet T100: il motore.

In questo caso, la velocità non era qualcosa da tenere in considerazione poiché il territorio di questo camion non sono le strade. Tuttavia, era essenziale trovare un motore in grado di erogare una quantità eccessiva di potenza da curve molto basse. Per questo I francesi hanno scelto un V12 diesel della nordamericana Cummins, responsabile di aver rinunciato a 700CV con una cilindrata di quasi 30 litri. Il cuore di questo gigante delle sabbie alimentato da due vasche da quasi mille litri ciascuna.

USCITO POCO PRIMA DELLA FINE

Sviluppata in soli nove mesi, alla fine del 1957 viene presentata a Parigi la prima Berliet T100 delle quattro costruite. Portato nel deserto per le prime prove su terreno reale, si è dimostrato efficace e maneggevole grazie al servosterzo con motore proprio. Incoraggiato dal successo, il produttore francese ha assemblato la seconda unità e in breve la terza, commissionata dal governo francese per lavori minerari. Un'ascesa fulminea per un veicolo così speciale e costoso, che così rapidamente come era apparso sarebbe andato incontro alla fine per motivi commerciali e politici.

Per quanto riguarda i politici, tutto si capisce dal tempo. Ed è che le ostilità militari sono state sempre più forti tra le due parti, creando uno stato di guerra aperta che ha portato anche a una forte crisi politica nella metropoli. Tutto questo segnava la fine dell'era dell'Algeria come colonia, avvenuta appena cinque anni dopo la presentazione della Berliet T100. In questo contesto, nessuna azienda occidentale era interessata a creare infrastrutture in Algeria. Ciò ha paralizzato gli ordini più vicini, inducendo Berliet a cercare fortuna nel mercato americano.

Per questo ha assemblato una quarta e ultima unità con la cabina integrata sopra il motore. Un campione che ha inviato a varie fiere negli Stati Uniti per attirare come clienti le sue compagnie minerarie. Tuttavia, l'adattamento molto preciso del Berliet T100 alle dune del deserto ha reso questo veicolo un prodotto poco interessante in termini commerciali. Motivo per cui Berliet annullò il progetto T100 nel 1964, essendo il secondo l'unico sopravvissuto dei quattro prodotti. Salvato da Fondazione Berliet Dal 1981, questo colosso è rimasto il modello più sorprendente dell'azienda che Renault ha assorbito nel 1978.

Fotografie: Renault Trucks / Fondazione Berliet

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci