in

Ferrari 250 GTO: A bordo

VIDEO FERRARI 250 GTO: ROBBERT ALBAS / BELGIAN-MOTORSPORT

Qualche giorno fa, uscendo dal cinema dopo aver visto Le Mans 66 Diversi amici hanno avuto un acceso dibattito. È lui Ferrari 330 P4 el cavallo più rappresentativo di tutti i tempi? Con il suo V12 in grado di erogare 450CV a 8.000 giri è chiaro che la potenza non è affatto male. Inoltre, la sua aerodinamica scolpisce forme che sono muscoli puri per la competizione. E questo per non parlare del suo record: lo ha fatto acuti alla 24 Ore di Daytona nel 1967. Ha anche vinto il World Trademark Title; il dodicesimo della Ferrari.

Tuttavia, sono state prodotte solo 3 unità. Inoltre, sebbene a metà degli anni '60 un giovane Mauro Forghieri avesse già convinto Enzo Ferrari dei vantaggi del motore in posizione centrale rispetto alle vetture di F1... La verità è che l'accordo canonico alla Ferrari è sempre stato quello di posizionare un potente V12 sotto il cofano anteriore. Fa il suo ingresso così l'altra candidata a rappresentare l'essenza del marchio: la 250 GTO.

Ferrari 250 GTO Goodwood Revival 2014
Ferrari 250 GTO II e I, rispettivamente (Foto: Unai Ona)

Presentato nel 1962, questo modello incontra - con le sue 36 unità - la quintessenza di Maranello. Ha le forme definitive per qualsiasi GT classica. Un telaio perfettamente sintonizzato sia per i circuiti che per le strade tortuose. Un 12 cilindri Colombo davanti al guidatore. Progressi tecnici che ne fanno il culmine della saga 250. Un record prodigioso nelle gare di durata... Puoi chiedere di più? Ebbene sì: suonano come mille meraviglie. E il ragazzo lo fa!

LO STRUMENTO PRINCIPALE: MOTORE COLOMBO V12 3 LITRI

Se c'è un motore che ha segnato la storia della Ferrari è stato il Colombo. est V12 a 60º si è evoluta dal litro e mezzo di cilindrata nella 125S del 1947 a quasi cinque dei monoblocchi montati nella 412 del 1986. E' presente in molte delle grandi GT della casa italiana, marcando 3 litri e 302CV per l'evoluzione installata sul telaio della 250 GTO.

motore ferrari 250 gto sound

Tuttavia, anche l'aerodinamica ha aiutato la 250 GTO. La persona che ne è responsabile, Giotto Bizzarini, decise di fare l'esatto contrario di quanto era stato fatto con il suo predecessore: la 250 GT SWB. Riduceva l'altezza dell'avantreno, rendendolo molto più penetrante a scapito della presa d'aria, aumentando al tempo stesso il carico aerodinamico sull'asse posteriore grazie a un cuneo sporgente. Qualcosa che doveva delineare Sergio Scaglietti quando Bizzarrini lasciò Maranello dopo il famoso litigio con Enzo Ferrari nel 1961.

CIRCUIT MELODY: LA GT LEADER NEL 1962, 1963 E 1964

Considerata l'auto più versatile e veloce nelle gare di accelerazione in cui ha gareggiato, la Ferrari 250 GTO è diventata dominante sui circuiti con il suo 1050 chili e 280 km/h di velocità massima. Tutto questo si aprì con un esordio più brillante: il secondo posto alla 12 Ore di Sebring del 1962 guidata da Phil Hill e Olivier Gendebein. Superato solo da una Ferrari 250 TRI/61 della Scudería SSS Republica di Venezia. Da li è stata realizzata per tre anni consecutivi con il titolo di campione della sua categoria all'interno del World Endurance Championship.

Ferrari 250 GTO Goodwood Revival 2014
Una GTO II a Goodwood (Foto: Unai Ona)

1962, 1963 e 1964. Tre anni di gloria in cui la 250 GTO ha segnato la fine dell'era delle grandi auto sportive da corsa con motore anteriore. Tra i suoi piloti più famosi c'è il già citato Phill Hill, ma anche Pedro Rodríguez de la Vega, che insieme al nordamericano guidò la 250 GTO alla vittoria nei 2.000 km di Daytona nel 1964. Senza contare che il prototipo è stato sviluppato da Stirling Moss nel 1961 sull'asfalto del circuito di Monza.

Fortunatamente, questa indiscussa Ferrari è ancora visibile in rinomati video e gare espositive come quella tenutasi al Circuito olandese di Zanvoort lo scorso 2018. Un privilegio per le orecchie dove risuonano le note delle stelle dell'ingegneria come Gioacchino Colombo, Giotto Bizarrini o Enzo Ferrari. Quindi sì, tornando al discorso all'uscita del cinema... Forse la Ferrari 250 GTO è il cavallo più rappresentativo di tutti i tempi.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci