aston martin db4 gt zagato replichegato
in

Due DB4 GT Zagato Repliche per celebrare il centenario del bodybuilder

ASTON MARTIN DB4GT REPLICA ZAGATO FOTO: ASTON MARTIN - LAGONDA ​​​​/ GRAEME HUNT

Ne abbiamo già parlato altre volte la personale delle creazioni di Zagato. Le sue forme voluttuose si muovono sempre sul filo del rasoio. Lungo dei suoi cento anni di storia puoi trovare linee risolte meglio o peggio, ma la verità è che un design del brand milanese non ti lascerà mai indifferente. Mentre i suoi interventi sui modelli Ferrari sono stati piuttosto controversi -tranne l'incredibile 250GT Zagato Sanction II-, la sua collaborazione con Aston Martin ha il successo di bandiera.

Ecco perché, se un nome compare accanto a quello di Zagato nella celebrazione del suo centenario... È quello di Aston Martin. Mesi fa, e riassumendo bene il gusto per l'eccentricità della casa italiana, si sono presentati quattro versioni del Vanquish. Con un totale di 99 unità, questa collaborazione rinnova il lavoro tra i due marchi, avendo generato molto rumore mediatico. Ad ogni modo, la questione non è finita qui.

Ripercorrendo il rapporto tra Aston Martin e Zagato, la sua più grande icona è il DB4GT Zagato. Progettato da Ercole Spada, solo 19 esemplari sono stati prodotti tra il 1961 e il 1963. Sono tutti conservati, il loro prezzo è espresso in cifre di 8 cifre. Uno dei miti del motore classico che non dovrebbe essere presentato, anche se Aston Martin ha pensato che forse risorgerà. così ha debuttato durante l'ultima 24 Ore di Le Mans la DB4GT Zagato Continuation. Un altro dei modi in cui la casa inglese celebra il centenario di Zagato.

ASTON-MARTIN DB4GT ZAGATO REPLICA: NON FEDELE COME SEMBRA

Il lavoro del reparto classici Aston Martin ha fatto parlare le persone per un po' di tempo. In effetti, tutto questo sulla ricostruzione della DB4 GT Zagato ci è già stato annunciato da mesi. Come i corpi degli anni Sessanta, sono previste 19 unità. Si Certamente, queste non sono copie esatte. Mentre all'esterno la carrozzeria è identica, l'interno riserva alcune sorprese.

Per cominciare, un nuovo motore. L'originale era un 3 litri, ma questo sale di un altro per erogare circa 7CV direttamente all'asse posteriore attraverso un differenziale a slittamento limitato. Inoltre, se inizi a guardare alcuni dettagli specifici, vedi che i sedili sono così attuali che puoi persino vedere la fibra di carbonio in essi. Insomma, stiamo guardando una replica della DB4GT? Veramente solo in apparenza, visto che per molte cose è un'auto quasi contemporanea.

Il "CASI“Lo diciamo per l'assenza di airbarg e altri elementi di sicurezza, anche se è vero che è dotato di gabbia omologata FIA di serie. Non parleremo del prezzo. Farlo sarebbe banale come stare davanti a un quadro di Velázquez e rilasciare, come primo commento, un "Questo deve costare una fortuna". Ebbene si, ovviamente costa una fortuna. Ma comunque, stiamo parlando di cosa stiamo parlando (e si tratta anche di fare soldi).

GIÀ AI LABORATORI DI NEWPORT PAGNELL

Delle 19 unità previste, 10 sono già in lavorazione (senza contare quella utilizzata per la presentazione). Tutti nei laboratori Aston Martin Works di Newport Pagnell, a pochi metri dal museo del marchio. Lì, nella sua officina dei classici, le repliche della DB4GT Zagato sono realizzate artigianalmente come vediamo nelle fotografie.

Un processo in cui verranno investite circa 4.500 ore di lavoro per unità, con le prime consegne previste a fine 2019. Il tutto accompagnato da un DBS GT Zagato. Il fiore all'occhiello della collezione DBZ Centenary di cui saranno prodotti solo 19 esemplari per essere venduti, inseparabilmente, con i 19 esemplari della DB4 GT Zagato Continuation.

UNA REPLICA "QUALCOSA" PI ASSUMABILE

Rovistando nel mercato delle repliche abbiamo trovato un'unità interessante. È in vendita nel Regno Unito ed è un DB4GT Zagato "Andy Palmer". Come vediamo nella pagina di Caccia al graeme Tutto iniziò quando alla fine degli anni '90 un collezionista decise di trasformare la sua DB4 del 1960 in una versione Zagato. Per questo si è rivolto al restauratore californiano Andy Palmer, che ha realizzato questo corpo quasi identico. Quasi.

La verità è che è ancora un po' audace. Dopotutto, sbarazzarsi della carrozzeria originale di una DB4 per montarne una nuova... Anche se è la replica di una seducente versione Zagato... Solleva i tuoi dubbi. Tuttavia la conversione è stata finalmente effettuata, cogliendo l'occasione per sostituire il motore con un 4 litri di un DBS di prima generazione.

Per inciso, sono stati incorporati il ​​servosterzo e un nuovo albero a camme. Andare, un'auto su misura che dopo due proprietari ne cerca un terzo con 754.755 euro in portafoglio. Non è un brutto modo per celebrare il centenario di Zagato, no, e sembra un po' meno moderno del fratello ufficiale.

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

56.5kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci