auto d'arte bmw
in

Tutte le BMW ArtCar

[dropcap] H [/ dropcap] asso ora 40 anni, a BMW 3.0 CSL È stato protagonista a Le Mans, ma non per i risultati ottenuti, ma per la decorazione della sua vettura. Questo è stato dipinto dall'artista Alessandro Calder, commissionato dal pilota appassionato d'arte Hervé Poulain, coordinato con l'allora direttore di BMW Motorsport, Jochen Neerpasch. Così è nato il primo "Auto d'arte".

Da allora, artisti di fama mondiale come Andy Warhol, Roy Lichtenstein, David Hockney, Jeff Koons e César Manrique hanno regolarmente contribuito con BMW alla creazione di una collezione di 17 opere d'arte in cui l'auto si trasforma in una tela o in una scultura rotolante, producendo un punto d'incontro tra auto, tecnologia, design, arte e sport motoristici. La collezione è un elemento essenziale e caratteristico dell'impegno culturale globale di BMW. (Non vuoi leggere? Vi raccontiamo la storia in VIDEO sotto.)

[pro_ad_display_adzone id = »39185 ″]

[pro_ad_display_adzone id = »39193 ″]

[citazione]

Artisti di fama mondiale come Andy Warhol, Roy Lichtenstein, David Hockney, Jeff Koons e César Manrique hanno contribuito con BMW alla creazione di una collezione di 17 opere d'arte in cui l'auto si trasforma in una tela o in una scultura rotolante...

[/ su_quote]

La maggior parte di queste vetture (molte delle quali ex auto da corsa) fanno parte della collezione permanente del Museo BMW. Il resto di solito partecipa a fiere d'arte o mostre presso le principali istituzioni automobilistiche.

Questo 40 compleanno Viene celebrato in tutto il mondo con numerose mostre durante tutto l'anno. I primi sono stati ad Hong Kong, al Centre Pompidou di Parigi, al Museo BMW di Monaco e al Concorso d'Eleganza al Lago di Como da Milano, dove sono stati mostrati i primi quattro BMW Art Cars di Alexander Calder, Frank Stella, Roy Lichtenstein e Andy Warhol, oltre alla GT2 M3 creata da Jeff Koons. Mancano ancora le mostre a New York, Miami e Shanghai.

Il BMW Group vuole anche presentare il 40° anniversario del Collezione di auto d'arte BMW Attraverso i social network, esplorando la visione che ogni artista ha voluto rappresentare nella propria auto e permettendo ad ogni persona di esprimere cosa significa per loro "car art". I contenuti pubblicati possono essere seguiti con l'hashtag #BMWArtCar.

auto d'arte bmw
Perché usare una tela se puoi dipingere su un'auto? (Per gentile concessione di BMW)
auto d'arte bmw
BMW 3.0 CSL dipinta da Alexander Calder (BMW)

Alexander Calder, 1975: BMW 3.0 CSL

Come abbiamo detto prima, la prima volta che una BMW è stata trasformata in un'opera d'arte è stato nel 1975. Come famoso scultore caratterizzato dai suoi mobili astratti e dalle grandi costruzioni ma dall'aspetto leggero e fluttuante, abituato a ideare le proprie forme, Calder In questo modo si è liberato dalla struttura formale dell'auto dipingendola, puntando così a darle il proprio segno distintivo. Come per le sue sculture e opere mobili, l'artista utilizzava solo intensi colori primari, distribuendoli in ampie forme ondulate sulla carrozzeria. L'uso di colori diversi su ogni parte dell'auto ha aggiunto l'illusione del movimento.

Il fatto che un'auto fosse presentata come un'opera d'arte all'epoca fece scalpore di per sé, accresciuto dalla sua partecipazione alla 24 Ore di Le Mans guidata da Hervé Poulain, Sam Posey e Jean Guichet. È stata la prima e l'ultima volta che l'auto è stata utilizzata in competizione. Sono partiti alle 7 ore di gara e da allora l'auto è rimasta in esposizione. Fu anche una delle ultime opere di Calder, scomparso nel 1976 all'età di 78 anni.

arte e automobile
Carta millimetrata e ingegneria: The ArtCar di F. Stella (BMW)

Frank Stella, 1976: BMW 3.0 CSL

Nel 1976 un altro BMW 3.0 CSL si è distinto alla 24 Ore di Le Mans per essere stato veloce Auto d'arte decorato da un artista pop "Post-astratto" Frank Stella, con un design basato su carta millimetrata in bianco e nero di grandi dimensioni, come un progetto applicato a tutta la carrozzeria, intensificandone le forme geometriche. Per questa occasione Stella ha abbandonato il suo stile casuale e la vettura non è riuscita a qualificarsi in gara a causa di problemi tecnici.

arte e automobile
Strade immerse nella natura, o sulla E21 di R. Lichtenstein (BMW)

Roy Lichtenstein, 1977: BMW 320i Gruppo 5

El Auto d'arte di Roy Lichtenstein è uno dei più apprezzati. Combina l'aerodinamica con l'estetica dei fumetti caratteristici dell'artista. Le linee dipinte simboleggiano la strada e il resto degli elementi ritraggono le scene campestri in cui si guida l'auto, dando la sensazione di un paesaggio di passaggio.

Questo veicolo ha avuto due presentazioni pubbliche: come opera d'arte al Centre Pompidou di Parigi e come auto da corsa alla 24 Ore di Le Mans nel 1977. I suoi piloti erano Hervé Poulain e Marcel Mignot. Ha raggiunto il nono posto nella classifica generale ed è stato il primo della sua classe.

[pro_ad_display_adzone id = »41631 ″]

Andy Warhol, 1979: BMW M1 Gruppo 4

Questo Auto d'arte è uno dei principali esponenti di "Arte su ruote". Lo stesso Andy Warholl si è preso la responsabilità di trasferire il disegno da un modello al corpo solo con l'aiuto del suo assistente, usando pennellate o dipingendo direttamente con le dita. Ci sono voluti solo 28 minuti nel completare l'auto.

[citazione]

“Ho cercato di ritrarre la sensazione di velocità. Quando la macchina va velocissima, tutte le linee e i colori diventano una macchia..."

[/ su_quote]

Questa BMW è stata usata in competizione solo una volta, alla 24 Ore di Le Mans del 1979. Era guidata da Manfred Winkelhock, Hervé Poulain e Marcel Mignot. Finì sesto assoluto e secondo di classe.

arte e automobile
Andy Warhol, ovvero come dipingere una M1 in 28 minuti (BMW)

Ernst Fuchs, 1982: BMW 635 CSi

Questa macchina ha avuto due partenze: è stata la prima Auto d'arte utilizzando una BMW standard come base e anche la prima realizzata da un artista europeo: The Viennese Professor of Art Ernst Fuchs, fondatore della Scuola di Realismo Fantastico di Vienna, in occasione della mostra "Arte come illustrazione - Illustrazione come arte" (Arte come Illustrazione - Illustrazione come Arte).

La carrozzeria fungeva da schermo su cui proiettare la sua immaginazione:

arte e automobile
Ernst Fuchs ... ti sei immaginato qualcosa come un mordi e fuggi? (BMW)

[citazione]

Vedo una lepre di notte che corre lungo l'autostrada e salta su un'auto in fiamme. Una paura primitiva e un sogno audace di superare una dimensione in cui viviamo. Mi mostra i suoi colori, li leggo nelle sue righe, nei suoi contorni, sento la sua voce gridare con enfasi e vedo quella bella lepre che salta tra le fiamme dell'amore, evitando ogni paura”.

[/ su_quote]

auto d'arte bmw
Rauschenberg ha persino impresso ritratti rinascimentali sulla sua BMW Serie 6 (BMW)

pubblicità

[pro_ad_display_adzone id = »39185 ″]

Robert Rauschenberg, 1986: BMW 635 CSi

“Sarebbe fantastico se ci fossero musei mobili. Questa macchina è un sogno che diventa realtà per me ”, Rauschenberg ha dichiarato dopo la presentazione del suo Auto d'arte In New York. Questa BMW è decorata con materiale fotografico. Il lato destro porta l'immagine di un dipinto di Ingres, e il sinistro è adornato con il "Ritratto di giovane" del Bronzino, circondato da fotografie sue Rauschenberg vegetazione e alberi che fungono da critica ai problemi ambientali generati dall'auto, oltre a motivi decorativi di vecchie targhe sui coprimozzi.

Rauschenberg deve essere stato soddisfatto del risultato, poiché ha riutilizzato quegli stessi motivi per auto per ulteriori lavori due anni dopo.

arte e automobile
Primitiva e colorata, questa è la nostra prossima ArtCar (BMW)

Michael Jagamara Nelson, 1987: BMW M3

In soli sette giorni di lavoro certosino e meticoloso, l'artista australiano Michael Jagamara Nelson trasformato a BMW M3 nero in un capolavoro del Papuna arte. Nelson apprese questo antico metodo di pittura da suo nonno e vinse il premio Premio Nazionale d'Arte Aborigena. Gli artisti della Papunya disegnavano immagini tradizionali con forme nella sabbia e le trasferivano su tela. I dipinti a mosaico apparentemente astratti della Papunya simboleggiano paesaggi e animali come canguri o emù e incarnano miti religiosi tramandati per migliaia di anni da generazioni di aborigeni sotto forma di pitture rupestri su rocce o in grotte. Costituiscono le loro radici culturali e le considerano una fonte di ispirazione per il futuro.

[citazione]

“L'auto è un paesaggio come sarebbe visto da un aereo. Ho incluso acqua, un canguro, un opossum..."

[/ su_quote]

Questo BMW M3 è entrato a far parte del reparto corse della BMW Australia, guidato dal pilota Frank Gardner. Nel 1987, Tony Longhurst lo ha portato alla vittoria nel campionato australiano AMSCAR. L'M3 è stato utilizzato dal team "Mobil 1" nel 1988, pilotato dal collega campione australiano Peter Brock.

pubblicità

[pro_ad_display_adzone id = »41754 ″]

Ken Fatto, 1989: BMW M3

Come l'Art Car 7, anche l'8 è un M3 da corsa ed è decorato da un artista australiano. Tuttavia, questi modelli fanno parte delle due principali culture antitetiche che esistono nel vasto paese.

Questa vettura riunisce tutti i tratti distintivi delle opere di Ken fatto: Colori accesi e pennellate forti simboleggiano l'Australia moderna, con le sue spiagge assolate e i paesaggi semitropicali, vivacità e divertimento. La carrozzeria raffigura ritratti astratti di pappagalli e pesci pappagallo scelti, secondo le parole dell'artista, "Perché sono belli e si muovono a velocità fantastiche, come la macchina".

La M3 appartiene anche al reparto corse BMW Australia. E 'stato utilizzato nel 1987 dal team JSP BMW, e con esso Jim Richards è stato campione del Gruppo A nel Campionato Piloti Australiano. Nel 1988, l'auto ha corso una sola volta e poi ha cessato di essere utilizzata in competizione.

auto d'arte bmw
La spiaggia M3 di Ken Done è molto diversa da quella di Jagamara

Continua Pagina 2…


Cosa ne pensi?

Miguel Ángel Vázquez

scritto da Miguel Ángel Vázquez

Miguel Ángel Vázquez, laureato in Comunicazione Audiovisiva presso l'Università Europea di Madrid e Master in Doppiaggio, Traduzione e Sottotitolazione (UEM). Sono un appassionato di corse automobilistiche sin da quando ero bambino, ma il mio legame, diciamo "professionale" con i Veicoli Classici è iniziato... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci