arnolt bristol
in

Arnolt-Bristol: 4 paesi e una leggenda

FOTO ARNOLT-BRISTOL ROADSTER 1954: BONHAMS

Arnolt-Bristol è una denominazione strana ma eccellente. Ed è che queste auto sono la miscela del meglio di quattro paesi. Dal Regno Unito hanno acquisito la tecnologia e il telaio. Dalle devastate fabbriche tedesche dei motori BMW. Direttamente dall'Italia è arrivato un design risolto con ingegno e… Venendo dagli Stati Uniti hanno assunto tutto il carattere di un imprenditore deciso a commercializzare i propri modelli: Stanley Harold "Wacky" Arnolt.

La storia di questo geniale ragazzo dell'Illinois è quella di un conoscitore dei trucchi del mercato, anche se non sempre ha segnato come il suo connazionale Max Hoffman. Attenzione al gioco... Se vendevi un'auto britannica negli Stati Uniti, doveva passare attraverso i dazi doganali. Ma se hai fatto abbastanza modifiche a quella stessa macchina -in territorio nazionale- ... Questa è stata al 100% nordamericana "Fatto a Chicago". Così le cose, Harold Arnolt ha importato modelli di diverse aziende britanniche per modificarle ampiamente. Li ha anche strofinati con corpi dall'Italia!

Se ti diciamo la verità... Non sappiamo se con così tanti trasporti coinvolti, questo sistema fosse redditizio. Tuttavia, per 15 anni la sua azienda ha funzionato. Ne sono usciti ibridi come l'Arnolt-MG, l'Arnolt-Aston, l'Arnolt-Bentley e quelli che più ci interessano oggi: l'Arnolt-Bristol. 142 utilitarie di cui uno ha raggiunto recentemente i 391.000 euro.

CORPO BERTONE. MOTORE BMW

La Bristol Aeroplane Company È una delle leggende della tecnologia britannica. Fondata nel 1911, ha avuto fino a 70.000 dipendenti diventando uno dei pezzi chiave della battaglia d'Inghilterra. Tuttavia, c'è stato un tempo in cui più che combattere i tedeschi ha importato le sue macchine, lavorando fianco a fianco con Frazer Nash per vendere BMW nel Regno Unito.

Grazie a questi contatti, e dopo la guerra, la divisione automobilistica di Bristol riuscì ad ottenere i permessi per la produzione di diverse BMW. Attività completata con il acquisizione dei disegni del motore 2 litri e 6 cilindri della mitico 328 del 1936. Mettendo insieme le ultime novità di telaio inglese a un motore del genere, abbinato da "Wacky" Arnolt con una carrozzeria Bertone firmata da Franco Scaglione ... Il risultato fu questa piccola vettura sportiva prodotta tra il 1953 e il 1959.

Un'auto sportiva vestita da Bertone. Ed è che il bodybuilder italiano era - da quando ha incontrato Stanley Harold a Torino - la persona incaricata di vestire l'Arnolt-Bristol. Non è una sfida facile perché l'altezza elevata del motore a 6 cilindri in linea BMW spiccava sul telaio piccolo. Soluzione? Franco Scaglione ha alzato i passaruota per attirare l'attenzione su di essi, mascherando così la forma sporgente del cofano bombato.

ARNOLT-BRISTOL: UN MITO DI SEBRING

L'ingegnosa carrozzeria ideata da Bertone fu combinata con i meccanici tedeschi per portare questo angloamericano al traguardo della 12 Ore di Sebring nel 1955. Lì rimase l'Arnolt-Bristol primo, secondo e quarto della sua categoria. Un riconoscimento che, sommato ai trionfi degli anni successivi, non si è però tradotto in un alto livello di vendite. Sono stati realizzati solo meno di tre quarti del primo lotto di 200 unità. Il secondo lotto non arrivò mai... E nel 1968 Arnolt Inc. chiuse i battenti.

Tuttavia questa curiosa storia ha reso l'Arnolt-Bristol un'auto leggendaria. Oltre ad avere un motore eccezionale, la sua scarsità -sono state elencate meno di 90 unità conservate- ha aiutato una rivalutazione e icononizzazione del modello. E non ci dirai che la sua storia non vale tanto oro quanto pesa ;).

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci