gazza lamborghini
in

50 anni della Lamborghini Urraco: un V8 2+2 di accesso

FOTOGRAFIE LAMBORGHINI URRACO: LAMBORGHINI MEDIA CENTER

Per Ferrari e Lamborghini, gli anni Settanta dovevano essere, necessariamente, diversi da tutto ciò che era stato fatto nel decennio precedente. E non stiamo proprio parlando da un punto di vista tecnologico, ma finanziario. Ed è quello, dopo anni da protagonista nell'epoca d'oro delle GT, era arrivato il momento di stringere la cinghia di emozioni per pensare con il portfolio. Pertanto, entrambi i marchi hanno consolidato la loro raggio di accesso. E hanno anche aggiunto piccoli V8 a quattro posti! In Ferrari questo è stato fatto con la Dino 308/208 GT4, mentre in casa Sant'Agata è stato con la Lamborghini Urraco.

Sia la Dino GT4 che la Lamborghini Urraco hanno ricevuto grande attenzione da entrambe le aziende. Mentre Enzo Ferrari e Niki Lauda sono stati personalmente coinvolti nella progettazione della prima, la concezione dell'Urraco è stata dominata da due boss. Meccanicamente Paolo Stanzani, Ingegnere Capo dell'Ufficio Tecnico Lamborghini; in carrozzeria Marcello Gandini, di quei chief designer di Bertone. Due aziende che sottolineano l'importanza dell'operazione.

Un'operazione che si capisce solo dalla necessità di ripulire i conti e mettere i piedi per terra. Ed è che, sebbene modelli come la 250 GTO o la Miura fossero in grado di creare immagini pubblicitarie potenti, le loro scarse corse non sono riuscite a ingrassare i conti. così era necessaria l'implementazione di modelli di accesso. Qualcosa che ha fatto la Ferrari con la Dino e la Lamborghini con questo interessante 2+2 che oggi festeggia i 50 anni dalla sua presentazione al Salone di Torino nell'ottobre 1970.

LAMBORGHINI URRACO. INNOVAZIONE IN OGNI SENSO

In Lamborghini sono sempre stati abituati ai cambi di rotta. Del resto l'azienda è nata produttrice di trattori per affermarsi poi come uno dei grandi miti della sportività italiana. Un'avventura in cui, nel mezzo, si sono anche intrufolati Peregrinazioni con mezzi militari e fuoristrada. Tuttavia, l'apparizione della Lamborghini Urraco è stata una sorpresa. A maggior ragione dopo aver consolidato un'imponente saga del V12 con modelli come la Miura, la Jarama o l'Espada.

Lontano dai suoi fratelli maggiori, la Lamborghini Urraco si presentava come un sobrio V8 con quattro posti e poco più di quattro metri. Circa mezzo metro più corto dell'Espada. Un carattere contenuto con cui ci si aspettava di ridurre i costi e aumentare le vendite riducendo il prezzo. Infatti, insieme alla comparsa della Urraco, Lamborghini ha lanciato una catena di montaggio più automatizzata dove le ore di lavoro artigianale sono state drasticamente ridotte.

gazza lamborghini

Una novità accompagnata dal fatto che è la prima vettura di serie con un sistema di sospensioni McPherson sia sull'asse anteriore che su quello posteriore. Tutto questo per tenere incollata al suolo questa Lamborghini Urraco, che aveva nella sua versione P250 -la canonica e prima- con un Motore V8 da 2 litri in grado di erogare 5CV a 220 giri/min. Potenza sufficiente per raggiungere i 245 km/h con un peso di poco superiore ai 1.100 chili. Tutto questo con una produzione di 776 unità contando le diverse serie.

LAMBORGHINI URRACO. TRE SERIE (PI UNA PER L'AMERICA)

Una delle caratteristiche più interessanti della Lamborghini Urraco è la versatilità della sua gamma. indubbiamente, la versione più diffusa era la P250. Proprio quello che commemora il 50° anniversario del modello, che ha le caratteristiche di cui abbiamo appena parlato. Tuttavia, all'interno delle sue 520 unità ve ne sono 11 che compongono una sottoserie: la P111. Tutti destinati al mercato americano dove, per ottemperare alle normative, hanno dovuto ridurre la potenza di 40CV oltre a montare un paraurti più voluminoso.

Oltre alla P250, dal 1974 furono offerte altre due versioni. Ad abbassare l'asticella di un modello ancora più docile e accessibile è stata la Lamborghini Urraco P200. Con una cilindrata di due litri e una potenza di 182CV questa era la serie più economica, di cui sono state prodotte solo 66 unità. Un numero ben al di sotto dei 190 della P300, la versione più potente grazie alla sua cilindrata aumentata a 3 litri in grado di erogare 250CV.

Paradossalmente, e nonostante sia stata concepita con la visione finanziaria come bandiera, la Lamborghini Urraco ha messo in seria difficoltà il marchio a causa delle poche vendite. In effetti, furono realizzate più unità dell'enorme Espada che del modesto Urraco. Una lezione che Lamborghini ha imparato subito, visto che non ha mai più proposto vetture con più di due posti ad eccezione della LM002 e della Urus. Tuttavia, negli anni la Lamborghini Urraco è maturata proprio come la Dino GT4, essendo ora esempi interessanti di un'epoca in cui questi due grandi marchi hanno tentato nuove strade.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci