alfa romeo attraversa l'africa
in

Attraversa l'Africa su un'Alfa Romeo. Abbiamo intervistato Jethro Bronner

FOTO ALFA ROMEO "DARGLE TO DARGLE": JETHRO BRONNER

Una notte del 2013 diversi amici stavano chiacchierando in una zona rurale del Sudafrica. Erano tutti fan delle auto d'epoca, quindi l'argomento della meccanica è saltato fuori subito. Uno di loro, infatti, aveva già iniziato i suoi studi di ingegneria meccanica all'università. Era Jethro bronner, e ancora non sapeva che proprio in quel momento si sarebbe imbarcato nella più grande avventura della sua giovinezza.

Jethro è appassionato della vecchia Alfa Romeo. Che si dice tutto un alfista. Ma attenzione, non un weekend alfista. La sua cosa va ben oltre le concentrazioni e le rotte. Guida tutti i giorni una Giulia Ti 1300 del 1973. Con esso, si muove attraverso le vaste distese dell'entroterra sudafricano, percorrendo più di 90 chilometri al giorno nel tragitto da e per l'università.

Ma torniamo a quella notte. Da famoso alfista Jethro ha dovuto sopportare - ancora una volta - le insinuazioni dei suoi amici sull'inaffidabilità dell'Alfa Romeo classica. La conversazione suscitò gli animi e Jethro salì al piano di sopra. Guiderei una vecchia Alfa attraverso l'Africa per dimostrare esattamente il contrario, per dimostrare che le vecchie Alfa danno piena affidabilità se trattate adeguatamente.

Ovviamente i suoi amici pensavano che tutto questo fosse stato il risultato della conversazione. Uno sfogo senza più. Tuttavia, Jethro ha contattato il club Alfa Romeo locale. La sua idea era quella di trovare una Giulia Sprint GT del primo anno di produzione. In sole 2 settimane ha trovato un venditore a Durban. Senza nemmeno vederla, ha compromesso il suo acquisto, iniziando un processo di restauro che gli avrebbe richiesto più di due anni.

Mentre nel suo garage stava cercando di assemblare il puzzle meccanico -l'auto è stata smontata con i pezzi riposti nelle scatole- Jethro è diventato sempre più ossessionato dall'idea di attraversare l'Africa con la Giulia Sprint GT. Forse il fervore di vedersi compiere il percorso attraverso giungle e deserti è stato ciò che ha incoraggiato Jethro a non lasciare un restauro in cui, se qualcosa potesse andare storto... Sarebbe andato storto.

Tuttavia, nel giugno 2015 l'Alfa Romeo Giulia Sprint GT"scalinoDal 1964 con numero di telaio 10504 era pronto. Davanti a lui si aspettava un viaggio di 9 mesi e mezzo attraversando 25 paesi attraverso circa 32.000 chilometri, collegando il Dargle del Sud Africa con il Dargle dell'Irlanda. Comunque, la cosa migliore sarebbe che ce lo dicesse lui stesso...

Jethro, sei un famoso alfista. Perché Alfa Romeo?

Beh, ho avuto la fortuna di imbattermi per caso in Alfa Romeo. Come una di quelle volte in cui arrivi alla conclusione giusta ma forse per le ragioni sbagliate. Quando stavo pensando di acquistare la mia prima auto, ho preso un'Alfa GTV perché aveva un bell'aspetto e costava poco. All'epoca non mi ero reso conto di essermi imbattuto in una delle migliori auto sportive per l'uso quotidiano di un produttore leggendario.

Per quanto riguarda i tuoi classici, con quale vecchio modello hai iniziato? Come sono stati i tuoi inizi nel restauro dell'Alfa Romeo classica?

La mia prima Alfa Romeo d'epoca era una GTV del 2000 1973. Aveva una brutta vernice e un po' di ruggine, ma funzionava abbastanza bene. Non mi ha dato problemi di affidabilità. La guidavo tutti i giorni e non era un lavoro ingrato, mi piaceva molto farlo. Non era comune trovare un'auto dei primi anni '70 con motore a doppio albero a camme in testa in alluminio, trasmissione a 5 marce, differenziale a slittamento limitato e freni a disco standard. È una macchina bellissima e molto ben costruita. E anche abbastanza semplice da poterlo riparare, a cui si aggiunge che qui potrei trovare pezzi di ricambio economici. Su questa macchina ho iniziato a fare dei lavori semplici, come smontare i carburatori o cambiare il motorino di avviamento. Alla fine sono passato a lavori più grandi come ridipingere il corpo. Tutto ciò mi ha insegnato molto. Poi sono arrivate le auto come la Giulia Ti.

Utilizzi ancora la Giulia 1300 Ti per i tuoi trasporti quotidiani? Cosa ne pensi di quella leggenda metropolitana sull'inaffidabilità delle vecchie Alfa Romeo?

Sì, continuo a muovermi con lei normalmente. Inoltre conservo anche la mia GTV, anche se ce l'ho nel bel mezzo di un restauro alla fine di una lunga fila di auto su cui sto lavorando. Per quanto riguarda la meccanica dell'Alfa Romeo devo dire che queste vetture sono molto affidabili se curate correttamente. Non possono essere trattate come una Ford o una Mini; richiedono manutenzione. Ma se ti prendi cura di loro... Sono davvero utili e affidabili.

Perché hai scelto una Giulia GT per un viaggio del genere? Puoi dirci qualcosa su come l'hai trovato?

Beh, quando ho iniziato quel viaggio avevo 22 anni. Il mio scopo era quello di passare un po' di tempo viaggiando, ovviamente, ma volevo anche continuare il mio hobby di guidare auto d'epoca. Con questa idea, iniziare la strada con una Sprint GT aveva perfettamente senso, poiché questa vettura mi ha permesso di unire la mia passione per l'Alfa Romeo con la mia voglia di viaggiare. E ragazzo, l'ho fatto per più di 32.000 miglia. Ho trovato l'auto quando avevo 19 anni. Era un insieme di parti un po' caotico e un corpo dipinto. Un progetto di restauro a metà da parte del proprietario, che aveva perso interesse a finire il lavoro. Appena l'ho visto, l'ho preso. La prima cosa su cui ho lavorato è stato il cambio colore. Il precedente proprietario l'aveva dipinta di rosso, ma l'ho cambiata in blu. Da lì ho avuto modo di lavorare con i meccanici.

alfa romeo dargle viaggio in africa

Abbiamo letto che l'hai trovato disarmato. Assemblare i pezzi doveva essere un duro lavoro! Che approccio hai seguito nel restauro? Hai rispettato le condizioni di fabbrica o sei stato tentato di includere modifiche?

Il lavoro mi è durato circa due anni. Come ho detto prima, quello che ho trovato era un progetto di restauro a metà e sì, era smontato, con i pezzi sistemati in scatole. Era come un enorme puzzle. Tuttavia, ero propenso fin dall'inizio a raggiungere uno stato il più simile possibile a quello di fabbrica. Alla fine, quando ho fatto il viaggio attraverso l'Africa, l'auto era una Sprint GT completamente standard. Le uniche modifiche sono state un serbatoio del carburante aggiuntivo e alcuni fari.

Quali sono state le maggiori difficoltà nel processo di restauro? Ricordi alcuni dei problemi più grandi?

La sfida più grande durante il restauro è stata la ricostruzione del motore. La mia idea originale era di usare il motore originale ma era gravemente danneggiato. Dopo un anno di lavoro ho deciso di non usarlo. Così ho trovato un altro blocco 1600 502 Sprint GT e ho iniziato da zero. Ho anche dovuto imparare a cablare l'intera macchina perché il cablaggio originale era inutilizzabile.

Con l'auto già pronta... Quando hai iniziato l'avventura? Com'è la quotidianità in un viaggio di 32.000 chilometri con ampie distese di deserto?

Quando la macchina ed io fummo pronti, non capii davvero la portata di ciò che mi ero prefissato di fare finché non trascorsi la mia prima notte fuori casa. In effetti, durante la prima settimana ero convinto di aver commesso un grosso errore nell'andare in solitario attraverso l'Africa. Dopo la prima settimana le cose hanno iniziato a normalizzarsi e ho iniziato a divertirmi a stare in posti nuovi ogni pochi giorni. Ti stai abituando alle sfide di viaggiare in Africa. Attraversare i confini diventa più facile man mano che acquisisci più esperienza.

Le immagini dell'Alfa Romeo nel deserto sono davvero impressionanti. Ma in verità abbiamo letto che la tua più grande colpa è stata in Italia. È vero? Che problemi meccanici hai avuto durante il viaggio?

L'Alfa Romeo si è comportata molto bene per gran parte del viaggio, anche nei giorni più difficili. Ci sono stati giorni in cui ho guidato fino a 16 ore nel deserto, e la macchina ha continuato a funzionare senza problemi. Comunque in Italia ho avuto il mio primo problema, vero. Uno dei galleggianti del carburatore si ruppe e cominciò a perdere, allagando due cilindri. Per fortuna era vicino a Maranello, quindi ho potuto comprarne una di scorta. Col senno di poi, è stato un errore da principiante non portare un galleggiante di riserva.

Jethro, ti stiamo benissimo. Ma che ne è stato del tuo compagno di viaggio? Com'è la Giulia Sprint GT?

Ce l'ho ancora, però Ho dovuto lavorarci di nuovo lentamente. La lamiera che hanno fatto prima che comprassi l'auto era di pessima qualità, quindi la carrozzeria si è di nuovo arrugginita. Non vedo l'ora di mostrarvi i trailer sul mio canale YouTube, insieme al lavoro che voglio fare su una Sprint GT e 2000GTV.

Sul tuo canale YouTube ti abbiamo visto lavorare su diverse Alfa Romeo. Cosa può dirci un restauratore di classici del nostro hobby in Sud Africa? Hai un progetto in mano? Restauri nel prossimo futuro?

Il Sudafrica ha una scena classica piuttosto forte, soprattutto per i fan dell'Alfa Romeo. Al momento sono con diversi restauri contemporaneamente. Puoi vederne alcuni sul mio canale, dove ti mostro come fare Sto lavorando a un Spider Duetto del 1967 e una GTV 1750 del 1970 che ora occupa la maggior parte del mio tempo. Dopo questi lavori mi metterò al lavoro per ripristinare la mia Giulia 1300 Ti per l'uso quotidiano. Poi aspettano la Sprint GT e la GTV. Beh, forse anche una moto Honda!

Vediamo che i progetti non mancano! Se attraverserai di nuovo l'Africa per l'Europa, speriamo di incontrarti. Se fai il passaggio dal Marocco alla Spagna attraverso Tarifa… Sarebbe un ottimo punto di incontro.

Non vedo l'ora di fare un altro viaggio in Europa in un'Alfa Romeo classica a breve. Possibilmente nel 2020.

Ebbene, sembra che a Jethro sia rimasto poco per tornare in pista con una delle sue Alfa Romeo. Quindi chi lo sa magari tra un anno vi racconteremo la sua storia, potendo chattare in diretta con lui. Nel frattempo dovremo accontentarci segui lo stato di avanzamento del loro lavoro sul loro canale YouTube. Una traiettoria perfetta sia per gli appassionati di Alfa Romeo che per gli avventurieri esperti in sella alle loro classiche.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci