ac frua
in

AC Frua. La GT automatica basata sull'AC Cobra

Avendo bisogno di una lussuosa GT dopo il successo agonistico della rabbiosa AC Cobra, l'azienda britannica si è affidata a Pietro Frua per il design e a Ford per il motore e il cambio automatico. Tuttavia, una scarsa pianificazione dei costi e il fatto di avere un'identità in una terra di nessuno ha gravato su questo modello spettacolare che ha raggiunto solo 80 unità contando versioni fastback e spider.

Questo 2021 Auto AC festeggia 121 anni di storia. Un dato che consacra l'azienda come una delle case automobilistiche più importanti del panorama britannico. Dopo aver costruito dai tricicli alle auto sportive come l'Asso. La roadster leggera che servì come base per l'AC Cobra di Carrol Shelby, essendo il primo ibrido di successo con un potente motore americano e un telaio europeo leggero a passo corto. Una collaborazione internazionale che si è verificata più volte nella storia di AC. Infatti, al momento il suo modello più interessante è la 378 GT Zagato.

Una berlinetta presentata lo scorso 2012 al Salone di Ginevra, che unisce le potenzialità di un motore V8 da 6 litri della Corvette con la personalità di una carrozzeria disegnata dal milanese Zagato. Miscela transoceanica coordinata da un'azienda britannica che già nel 1966 faceva lo stesso con la presentazione di AC Frua. Il modello che è stato il tentativo del marchio di entrare nel segmento delle grandi GT del momento. Offerta sia in versione coupé che spider fino alla fine della produzione nel 1973.

Un ibrido tra un telaio britannico, una carrozzeria italiana disegnata da Pietro Frua e un motore Ford che non è finito a causa degli alti costi di produzione. Infatti, sono state assemblate solo 80 unità, di cui circa 65 sono sopravvissute. Una figura di tutto rispetto, a maggior ragione se si considera che alcuni di questi AC Frua sono serviti come donatori di pezzi per il ben più famoso e pregiato AC Cobra. La roadster senza la quale non si comprende l'aspetto di questa GT, che è forse l'auto sportiva europea più americanizzata di quel tempo a causa di dettagli come la sua trasmissione automatica.

AC FRUA. UN MOTORE PICCOLO NERVOSO PER UN CAMBIO AUTOMATICO

Elevata alla categoria del mito automobilistico, la storia dell'AC Cobra è ben nota. Tuttavia, la cosa divertente è che è stata spronata dalla Corvette. L'auto sportiva della General Motors che Carrol Shelby voleva spazzare sui circuiti, per la quale proposto di installare un Ford V8 sulla base leggera e maneggevole di un AC Ace. Così è nata una formula di successo basata sulla miscelazione della potenza di una parte con le capacità dinamiche dell'altra. Tuttavia, la cosa curiosa è che quando era disponibile una versione omologata per la strada, si trattava di un fallimento commerciale.

Lungi dall'avere il successo di cui gode oggi come un classico, l'AC Cobra 427 del 1966 interessava appena il mercato. In effetti, a Carrol Shelby è servito un bel po' di sforzi per sbarazzarsi delle 31 unità che ha offerto al pubblico. Ecco perché AC ha imparato la lezione. Interiorizzando che un veicolo brutale come il Cobra era eccezionale sui circuiti. Ma poco interessante per quegli acquirenti che vogliono anche rotolare su strada. Quindi le cose, quelli di AC si resero conto che la cosa giusta da fare sarebbe stata vendere una GT raffinata su base Cobra.

Idea che fa nascere AC Frua. Che si basa sul telaio allungato di una Cobra Mark III su cui è montata una carrozzeria elegante e un comodo cambio automatico Ford C6. Un'informazione importante, in quanto fornisce già indizi su come AC pensava che si sarebbe comportato il Frua. In modo tranquillo, per nulla nervoso e perfettamente adatto a godersi lunghi viaggi su strade senza curve. Qualcosa che si vede anche nelle impostazioni del motore Ford V8 428ci, che dà la sua potenza massima di 345CV a soli 3400 giri/min. Insomma, la AC Frua è nata per essere una GT tanto veloce quanto fluida e tranquilla nella guida.

MOTORI PIETRO FRUA E FORD. UN MIX CON IL MERCATO AMERICANO IN MENTE

Pietro Frua non è stato solo uno dei principali designer automobilistici italiani, ma anche un esperto imprenditore. Per questo, vista la fine della seconda guerra mondiale vicina, nel 1944 acquistò una fabbrica bombardata per costruire in tempo di pace quella che sarebbe stata la sua azienda di carrozzeria. Tuttavia, è anche vero che aveva un certo desiderio di massimizzare eccessivamente la redditività dei suoi progetti. Caratteristica che ha portato a certe ripetizioni messe al calzascarpe, come la somiglianza tra la Glas 3000 e la Maserati Quattroporte. Ma anche il evidente somiglianza tra la Maserati Mistral del 1963 e la nostra protagonista: l'AC Frua del 1966. E per non parlare dell'avantreno della Iso Grifo, replicata quasi equamente nei prototipi progettati per la BMW alla fine degli anni Sessanta.

Tuttavia, la qualità dei suoi progetti rende Pietro Frua facilmente perdonabile per tutto. E, anche se non sono eleganti come quelli di Pininfarina o personali come quelli di Zagato, la verità è che qualsiasi modello pensato da Frua ha eleganza. Qualcosa che si vede in entrambe le versioni spider e fastback dell'AC Frua. Che montava durante i suoi primi mesi il motore Ford FE 427. Sostituito rapidamente nel 1967 dal più potente FE 428. Un enorme motore da 7 litri che, insieme alla carrozzeria in acciaio anziché in alluminio, non pesava quanto ci si aspetterebbe, lasciando la bilancia a 1416 chili.

Ciò ha reso l'AC Frua una GT ad altissime prestazioni, ma appesantita da ritardi nelle consegne e alti costi di produzione. Tutto questo per la difficoltà di inviare il telaio in Italia per incorporare la carrozzeria e poi attendere il suo ritorno. Inoltre, la verità è che il cambio automatico gli ha conferito un carattere troppo americano. Fatto che lo ha collocato in un posto molto marginale nel mercato. Visto che gli americani, se compravano un'auto europea, la volevano con tutte le conseguenze. Ed è che per i comodi veicoli automatici avevano già il loro.

Tuttavia, da AC Frua rimangono per la storia a Da 0 a 100 in meno di sei secondi e da 0 a 160 in circa quattordici. Dati per i quali si capisce che ormai è un classico molto apprezzato, protagonista di un'imminente asta di Bonhams.

Fotografie: Bonhams / Zagato / AC

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci