in

I Basque Country Classic Tour: Classici in un autunno spettacolare

FOTOGRAFIE E TESTO: UNAI ONA

Lo scorso 23-24-25 ottobre si è svolto il I Basque Country Classic Tour, organizzato da Eventi di auto d'epoca Automovilia in collaborazione con la rivista Motore classico.

L'idea era semplice, dare un po' di tregua in questi tempi complicati, gustando i classici sulle strade basche, assaporando la gastronomia tipica e degustando i loro vini, che si sono concretizzati grazie alla dovute misure di sicurezza security e rispettati in ogni momento: mascherine obbligatorie, distanziamento sociale, capienza in hotel, ristoranti e visite, guida in piccoli gruppi per non interferire con il traffico ordinario.

A tutto questo si è aggiunto il bellissimo percorso a cui ha collaborato l'associazione locale Gasteiz Classic Club. Una grande selezione di porti e strade, molte delle quali solitarie e poco trafficate. Tutto un piacere e una gioia per una guida più che lavorata.

Da Barcellona, ​​​​Soria, Madrid, Asturie, Navarra, Guadalajara, Ávila, Cuenca e, naturalmente, dalla stessa zona, in particolare i membri del locale Gasteiz Classic Club, trentotto partecipanti sono arrivati ​​a Vitoria venerdì pomeriggio. A poco a poco il parcheggio si è riempito di Mercedes-Benz, Porsche, Ferrari, AMC, Jaguar, Saab, Fiat, BMW, Morgan, Oldsmobile, Mitsubishi, Volkswagen...

Cinque di loro erano la Seat 1400 B Comercial, 850 Coupé, 124 Sport 1600 Coupé, 1200 Sport”.Bocca nera”E 124 FL 2000 con cui Anche Seat Históricos ha festeggiato i 70 anni del marchio.

tour dei paesi baschi classico

Girando da Valladolid, al ritmo della sua Mercedes-Benz 230 Cabriolet B del 1937 (sebbene immatricolata in Spagna nel 1944), Luis Alarcos si è recato puntuale anche nella capitale lava. Davanti c'erano due lunghi percorsi di strade secondarie, curve e porti come Udana, Otzaurte, Opacua, Herrera e Orduña. I rispettivi dipartimenti del turismo del Tour Basco, il Consiglio provinciale di Álava e il Comune di Vitoria-Gasteiz hanno collaborato e hanno fornito ad Automovilia le strutture per ideare un itinerario e un programma attraverso il quale scoprire la ricchezza e il fascino basco.

Le prime rampe dopo Oñate iniziarono a testare la Seat 1400 su cui viaggiavano Isidre López, responsabile della collezione Seat Históricos, e Jesús Bonilla, della rivista Motor Clásico. In piano, i suoi 44 volenterosi cavalli la muovevano con maestosa galanteria tra gli 80 e i 90 km/h, al passo tranquillo dettato dalla sua meccanica e da un telaio monoscocca anni Cinquanta.

Spinti dalle più grintose Seat 124, Ferrari Mondial, Porsche 911, Mercedes-Benz 190 SL, AMC Gremlin, solo per citarne alcune, sono entrati nel cuore dei Monti Baschi. A mezzogiorno attraversarono Peñacerrada, ai piedi della Sierra de Cantabria, il limite naturale prima di scendere a Las Vegas de la Rioja Alavesa. Dall'alto quel giorno fu disegnato un acquerello colorato che profumava di uva e vino. Tra vigneti e grotte scavate nel terreno roccioso, la cantina Eguren Ugarte, a Páganos, ha deliziato il pubblico con i suoi vini e il meglio della gastronomia locale.

La seconda parte del tour ha attraversato un circuito tra terrazzamenti di viti e edifici più o meno suggestivi con i propri nomi di riferimento: Marqués de Riscal, Izadi, Luis Cañas, Baigorri, Valdelana ...

Le previsioni di pioggia per domenica erano sbagliate. Nelle giornate più fresche, le pendenze del 14 percento del porto di Herrera hanno allungato macchine e conducenti. Jessica è stata vista esultare al volante della sua 127 CL, così come Gerardo e Olga di Soria con la loro Morgan Plus 4. Da lì a Orduña, il viaggio ha flirtato intorno ai confini di Álava e Burgos, attraversando la contea di Treviño.

La strada per Orduña sulla A-2521 è una vertiginosa discesa a zig-zag che ha messo a dura prova i freni a tamburo della Seat 1400. E c'era ancora una penultima tappa a Biscaglia. Torre Loizaga, un'enclave dove si fondono architettura medievale e storia dell'automobile, ha aperto le porte per visitare il museo Miguel de la Vía.

tour dei paesi baschi classico

Sua nipote María López-Tapia ha raccontato come suo zio sia riuscito a mettere insieme quella che è considerata una delle migliori e più complete collezioni Rolls-Royce in Europa. Nel frattempo, la Mercedes di Luis Alarcos è stata sottoposta a una pulizia e un trattamento dettagliato da Mycarsfirst.

La visita è stata il coronamento ideale di un intenso weekend che si sarebbe concluso in Valmaseda. Ma essendo nei Paesi Baschi non poteva mancare il suo particolare sirimiri. Durante gli ultimi chilometri, una pioggia sottile ha avvertito i partecipanti di dove si trovavano. In questo modo hanno scoperto tutti i volti di Euskadi. L'incombustibile Francesc Palau e la sua inseparabile Juana avevano ancora 600 km per tornare a Barcellona con la Porsche 911.

Cosa ne pensi?

Unai Ona

scritto da Unai Ona

Unai Ona viaggia in tutta Europa per raccontarvi i migliori eventi del Vecchio Continente. Fotografo di prim'ordine, non si stanca mai di immortalare la bellezza dei grandi classici dell'anteguerra e del dopoguerra, la sua vera passione...

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci