in

SorpresoSorpreso Mi piaceMi piace

SEAT Panda Abarth, frutto di un kit disponibile solo in Spagna

Nonostante nel 1971 l'Abarth fosse stata assorbita dalla FIAT per costituire il suo reparto gare, conservava comunque una certa autonomia per lanciare kit di preparazione per veicoli commerciali del marchio italiano o su base di essa. Proprio il caso della SEAT Panda, che aveva solo in Spagna un kit firmato dal marchio scorpione per portarla fino a 60CV.

Con il passare degli anni Sessanta, gli stretti rapporti tra Abarth e FIAT si fanno più evidenti. Tutorato da Gianni Agnelli in maniera semi-ufficiale, il workshop diretto da Carlo Abarth ha ricevuto direttamente dalla fabbrica del Lingotto le basi necessarie per realizzare la sua 1000 TC/TCR. Spettacolari varianti sportive realizzate dalla popolare 500. Particolarmente combattive nei rally e nelle gare in salita. Infatti, anche se Le Mans o Monte Carlo non gli vanno a genio, sommando tutto quanto vinto da questi modelli, siamo senza dubbio di fronte a due dei campioni più competitivi e pluripremiati del loro tempo.

E non c'è da stupirsi. Dopotutto, questi veicoli sono riusciti a produrre 92 CV per soli 583 chili. Tutto questo grazie alle migliorie apportate dall'Abarth al blocco motore firmato FIAT, portando la cilindrata a 982 cc. È così che va, Le Abarth 1000 TC/TCR furono dei veri e propri killer giganti con una crescente notorietà tra i team europei. Tanto che uno dei principali punti di riferimento per Abarth è stato proprio il Barcellona. In particolare nelle officine di Jaume Juncosa, che riceveva regolarmente le visite dello stesso Carlo Abarth in quanto importatore del marchio italiano per la Spagna.

In questo modo, nel capoluogo di contea era normale gareggiare con veicoli firmati dalla casa dello scorpione. Fatto che è stato mantenuto dopo l'assorbimento dell'Abarth da parte della FIAT nel 1971 con l'intenzione di utilizzarla come base per il suo reparto gare. Tuttavia, La FIAT ha rispettato per un tempo l'inerzia dell'Abarth nella trasformazione dei piccoli utilitari. Prova di ciò è il A112 Abarth del 1971. Ma anche i tanti kit pensati per la 127, la Ritmo o anche la Panda. Quest'ultimo commercializzato solo in Spagna da Apicsa. Un'azienda di Barcellona che ha continuato l'eco di quei tempi in cui Juncosa era la base dell'Abarth nel nostro Paese.

Ovviamente la Panda non era un'auto sportiva, ma il suo peso contenuto si prestava a certe possibilità.

LA LENTA SCOMPARSA DEL NOME ABARTH

La nostalgia vende in questo momento. Consapevole di questo, Volkswagen ha lanciato il New Beetle anni fa. BMW la nuova Mini. E anche adesso Renault sta recuperando con successo Alpine sia per la F1 che per la nuova A110 con la quale affronta modelli di Lotus e Porsche. Una strategia alla quale partecipa con successo anche la FIAT, salvando con la nuova 500 le sue linee anni sessanta oltre al nome Abarth per le sue versioni sportive. Tuttavia, per molti anni FIAT ha tenuto sotto il tappeto questo termine associato al meglio del motorsport.

Almeno quando si tratta di affari. Da quando il colosso torinese ha sviluppato il proprio reparto gare utilizzando Abarth come punto di appoggio. In questo modo, sebbene l'Abarth fosse offuscata all'interno dell'infrastruttura stessa dell'Agnelli, è rintracciabile in tutte le Lancia da rally e anche in alcune da endurance come la LC2. Tuttavia, con il passare degli anni, i modelli del Gruppo FIAT con varianti punto dallo scorpione erano sempre meno.

A questo punto, i modelli Abarth stavano uscendo dalle nuove gamme mentre avanzavano verso gli anni Ottanta. Un trend irreversibile fino al 2007 con la comparsa della 500 Abarth. Comunque, Dire che l'Abarth fosse totalmente assente dalle concessionarie sarebbe tanto ingiusto quanto poco saggio. Del resto, sebbene dalla sua A112 i modelli firmati con il nome del vecchio trainer cominciassero a scarseggiare, la FIAT permise la vendita di alcuni kit attraverso la rete dei ricambisti Abarth.

Una semplice Panda 45 è stata la base per applicare il kit Abarth

SEAT PANDA ABARTH, UN'AUTO TANTO RARA QUANTO INASPETTATA

Così come l'officina di Jaume Juncosa è stata importatrice ufficiale di Abarth per la Spagna negli anni Sessanta, la Apicsa di Barcellona è stata fornitore ufficiale di ricambi negli anni Ottanta. Così, oltre ai ricambi per i vecchi modelli, Apicsa ha offerto i kit Abarth per arricchire la 127, la Ritmo/Ronda CLX e la Fura Crono. Per di qua, Grazie alle modifiche introdotte da tali sistemi sono state conseguite deleghe non di poco conto., arrivando a 90CV nel caso del Crono. Indubbiamente la continuazione della vecchia Abarth degli anni Sessanta, che scommetteva su basi popolari leggere per raggiungere ideali sportivi rabbiosi su strade curve. In ogni caso, la cosa più curiosa è stata la comparsa di un kit che non aveva corrispondenza con nessun venduto in Italia.

Questa 127 Abarth è il risultato di un kit venduto in Italia e offerto in Spagna da Apicsa

Si tratta di quella che dal 1982 venne proposta per creare la SEAT Panda Abarth. Purtroppo non siamo riusciti a trovare una spiegazione certa della sua esistenza solo in Spagna e non anche in Italia. Chissà. Forse è stata una qualche ricorrenza di Apicsa a cui l'Abarth ha dato il via libera senza volerlo replicare nel proprio paese. In ogni caso, comunque sia, la verità è che con questo kit distribuito in esclusiva dalla società di Barcellona la popolare utility presentata nel 1981 divenne un modello pieno di rabbia. Ed è che, utilizzando come base una Panda 45, la SEAT Panda Abarth è passata da 45CV a 60CV grazie a una nuova testata in alluminio.

Il kit Panda era disponibile solo in Spagna, potendo acquistare i pezzi separatamente e non insieme

Uno dei suoi elementi più sorprendenti. Insieme a condotti di aspirazione più generosi, un carburatore a doppia canna e collettori di scarico tubolari di uscita. Per quanto riguarda la cilindrata, ci sono vari dati contrastanti a priori ma su quale ordine si può mettere. Da un lato vediamo nella stampa dei dati temporali che puntano ai 903cc dati dalla versione di partenza. Troviamo però anche altre cifre che coincidono con i 965 cc del blocco motore più generoso dei due utilizzati nella gamma delle A112 di quinta e sesta serie contemporanee alla SEAT Panda Abarth. Quindi, con quale cifra rimaniamo?

Bene, con entrambi. Ed è che la soluzione a questo incomprensibile è data dalla possibilità di acquisire l'intero kit o solo per parti. Guardando l'elenco, infatti, uno è il blocco motore 965cc della A112 Abarth del momento. Per questo motivo, si tende a pensare che alcune SEAT Panda Abarth abbiano incluso questo motore mentre altre hanno scelto di continuare con il blocco di partenza della Panda 45 originale. Comunque, cose che accadono nel mondo dei kit e il loro alto grado di personalizzazione. Per quanto riguarda altre possibili modifiche al motore, questa Panda si distingue come una buona Abarth per via dell'albero a camme incrociato. Un altro dettaglio che si aggiunge a candele più professionali e un'accensione elettrica firmata dallo stesso trainer.

Le ruote a basso profilo hanno conferito al modello un aspetto più sportivo

Per quanto riguarda le sospensioni, il posteriore non ha modifiche anche se l'anteriore equipaggia molle più corte. Progettata per abbassare il baricentro, ma anche per ottenere una risposta più diretta in curva. Cosa c'è di più, il cambiamento includeva un altro -raggiungendo fino a cinque- e i cerchi potrebbero essere realizzati in lega di alluminio a basso profilo. Tutto questo per rendere la SEAT Panda Abarth un'auto fruibile nella vita di tutti i giorni ma anche molto divertente quando cade in mani esperte.

Naturalmente, sempre consapevole della base che si indossava. Ecco perché forse più di questi kit non sono stati venduti. Dopotutto, le parti e l'assemblaggio erano quasi un quarto del prezzo della Panda 45 utilizzata come base. Un sovrapprezzo notevole quando, in verità, per il conto totale potrebbe essere più interessante preparare un 127 o un Fura. Tuttavia, alla guida di una SEAT Panda Abarth ha avuto il fascino di indossare un capo davvero strano e destinato solo al mercato spagnolo. Infatti, provando a vedere se ci sono unità disponibili nel mercato classico, è facile vedere quanto rara ed esotica fosse ed è la SEAT Panda Abarth.

Immagini: FCA Heritage / Apicsa

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

56.5kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci