Citroën 2CV AZU con motore BMW
in

Questa Citroën 2CV AZU è la “Cirila” più veloce del mondo grazie al suo motore BMW

Con 90 CV forniti da un motore BMW Motorrad e un peso di circa 600 chili, il suo ideatore sostiene che possa superare i 160 km/h, non male per il furgone di un lattaio.

Citroën 2CV AU, Citroën AZU, Citroën AK, Citroën AKS o semplicemente Citroën 2CV Van. La prima vettura prodotta nello stabilimento che la marca francese ha a Vigo, a Pontevedra, uno di quei veicoli che popolavano le strade delle località spagnole negli anni '50 e '60, carichi di ogni tipo di oggetto, lungo strade che nemmeno passavano le capre e che oggi è un'icona.

Motore Citroën 2CV AZU BMW

La «Cirila» ovvero il furgone del lattaio, è il predecessore di un altro piccolo furgone che si è guadagnato il rispetto di tutti per la sua affidabilità e capacità di fare quasi tutto, la Citroën C15. Non possiamo ignorare nessuno dei due la Citroën Acadiane, la seconda generazione di questo iconico furgone che invece di essere basata sulla 2CV, era basata sulla Citroën Dyane 6 - il nome è un gioco di parole con AK e Dyane -; il vero predecessore del C15.

Comunque sia, la Citroën 2CV Furgonnette Van, come viene chiamata altrove, è amata quanto la stessa Citroën 2CV su cui si basa. C'è chi addirittura li restaura così come li aveva il fornaio del suo paese e addirittura li trasforma in un camper. Anche se un viaggio con un furgone Citroën 2CV non è consigliato a chi non ha più di una settimana di ferie. A meno che, ovviamente, non ti piaccia Rick Pembro, e cambiare il motore con un altro di una BMW R1100RT…

UNA CITROËN 2CV BLU CON MOTORE BMW DA 90 CV

Il furgone Citroën 2CV è nato nel 1951 – ha iniziato a essere prodotto in Spagna nel 1958 – con l'obiettivo di offrire un mezzo semplice ed economico nel dopoguerra, quando maggiore è la necessità di mezzi da carico pratici ed economici. Ciò non le impediva di essere innovativa, come la vettura da cui derivava, e, quindi, aveva anche dell'interessante sistema di sospensioni; interessante ed economico, tutto sommato.

Quella semplicità ha portato a Citroën doterà il suo furgone di un motore bicilindrico da 375 centimetri cubi. Stiamo parlando dello stesso motore della Citroën 2CV, che dimostrò che con impegno e pazienza si poteva arrivare ovunque indipendentemente dal carico che trasportava. Poi arrivò il bicilindrico da 2 centimetri cubi, che grazie alla sua cilindrata maggiore, forniva un po' più di potenza e consentiva un po' più di facilità negli spostamenti. Ne parliamo motori raffreddati ad aria da 9 HP nel primo caso, e 12 HP nel secondo -poi si passò a 13,5 CV e successivamente a 18 CV-, con i quali si coprivano chilometri di distanza con carichi superiori ai 250 chili omologati per il modello. Cosa accadrebbe se invece di quei 20 cavalli scarsi che aveva, la potenza fosse molto maggiore?

Domanda che Rick Pembro, rinomato specialista delle 2CV, avrebbe dovuto porsi, dal momento che ha deciso di cambiare il motore di una Cirila con un altro di una BMW R1100RT, che, Con 1.085 centimetri cubi eroga 90 CV e 95 Nm di coppia. Il propulsore che, curiosamente, è un bicilindrico boxer raffreddato ad aria, quindi almeno è stata mantenuta la configurazione iniziale del motore, giusto? 90 CV potrebbero non sembrare tanti, ma il furgone Citroën 2CV pesa 600 chili e gli ideatori dicono che potrebbe facilmente superare i 160 km/h con il suo cambio a quattro velocità. È la Cirila più veloce del mondo.

STILE TOPO PER UNA CITROËN BLU

L’intero progetto inizia con una Citroën AZU – bleu électricité blu elettrico assolutamente originale. L’obiettivo era quello di creare un furgone che fosse in parte rat rod e in parte dormiente., cioè aveva un aspetto vecchio e arrugginito, ma nascondeva buone caratteristiche. La prima parte era molto semplice, per la seconda molte cose dovevano essere cambiate.

Fu acquistato un telaio da Ken Hanna, altro specialista della Citroën 2CV, che fu modificato per poter montare il motore. che avevano scelto per raggiungere il secondo obiettivo, il già citato boxer gemello BMW. Allo stesso tempo, la carrozzeria è stata rimossa e inviata alla Citwins, che è anche specialista in 2CV, per installare nuovi pannelli zincati sul pavimento anteriore, sulle paratie inferiori e superiori, sui sottoporta e su alcune altre aree colpite dalla ruggine. Citwins, con grande attenzione ai dettagli, mantenuto l'aspetto originale usurato e arrugginito, mentre furono aggiunte nuove cinture di sicurezza anteriori.

Motore Citroën 2CV AZU BMW.

Per il motore, È stato installato un sistema di raffreddamento dell'olio, accompagnato da alcuni elementi artigianali, creato appositamente per l'occasione. Sono stati aggiunti anche una pompa del carburante migliorata, supporti personalizzati per il corpo farfallato, collettori realizzati a mano e una linea di scarico in acciaio inossidabile. Il cablaggio è stato adattato per ospitare la centralina elettronica del motore BMW e sono stati aggiunti un indicatore di temperatura e un contagiri.

ALCUNE CARATTERISTICHE SONO ANDATE PERSE LUNGO LA STRADA

Come previsto, l'aumento delle prestazioni del motore costrinse a modificare altre sezioni per adattarle alle nuove esigenze. Per esempio, Le sospensioni sono state ricostruite con nuovi ammortizzatori, nuovi cuscinetti e molle. Anche la cremagliera dello sterzo è stata completamente rifatta ed il cambio è stato smontato, rinforzato ed adattato al nuovo motore con un nuovo volante alleggerito e riequilibrato.

Le ruote e i pneumatici sono ovviamente nuovi, anche se sono stati verniciati e invecchiati, come il resto della carrozzeria. Ruote nascoste freni nuovi con pastiglie racing.

Non si tratta, quindi, della classica "Cirila" con cui si girava per le città carichi "fino all'orlo", anche se è evidente che saranno poche le Citroën AZU più veloci di questa. Se ti piace, lo specialista Auto da collezione ce l'ha in vendita a più di 11.000 euro, precisamente 10.500 sterline, circa 12.215 euro. Sarà anche la “Cirila” più cara del mondo?

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia dell'automobile in Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato e ho scritto il libro "La 600, un sogno su ruote" (casa editrice Larousse).

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3.4kSeguaci
3.9kSeguaci