JAGUAR E TIPO
in

1961 Jaguar E-Type: primissima serie con affascinante patina

FOTO JAGUAR E-TYPE 1961: SIERRA CLASSIC SPORTCAR

Nel 1996 il Museo del Prado ha vissuto uno dei suoi giorni più turbolenti. Dopo mesi di attesa è stato finalmente scoperto il restauro effettuato su uno dei suoi quadri più emblematici: Il Nobile con la mano sul petto. Rappresentato in tutti i tipi di antologie. Studiato fino all'esaurimento. Elevato alla categoria di simbolo di un'epoca. Una tela conosciuta e riconosciuta che, però, conserva ancora tutto il mistero racchiuso nello sguardo intrigante di uno sconosciuto.

Con un dito avido sul grilletto, decine di giornalisti hanno aspettato il momento in cui il direttore del museo ha disegnato la tela. Una volta presentata, la polemica si è diffusa a macchia d'olio su tutti i media. Tanto che, anche quattro anni dopo, il dibattito raggiunse lo stesso Congresso dei Deputati. Ed è che, lontano dal suo aspetto cupo, ora il signore con la mano sul petto brillava su uno sfondo luminoso di una luce grigia scioccante. Il restauro aveva completamente cambiato l'immagine. E sebbene lo avesse restituito all'aspetto ideato da El Greco, la verità è che era lontano dall'immagine conservata in milioni di retine.

Iniziò una feroce disputa che continua ancora. Fino a che punto un restauro dovrebbe pulire la patina del tempo? È meglio consolidare l'usura? O ancora più corretto riparare lo stato di origine? Alcune domande che sicuramente si porrà il nuovo proprietario di questa Jaguar E-Type. Una primissima serie, frutto delle prime settimane di produzione nel 1961, che ha conservato un impeccabile patina fino al 2020. Una vera capsula del tempo in cui l'usura ha messo a dura prova molti componenti. Certo, vale la pena sostituirli? Questa Jaguar del 1961 solleva dubbi che, forse, dovrebbe essere discussa nel Museo El Prado.

JAGUAR E-TYPE. LA DEFINIZIONE DI STILE BRITANNICO

Il cattivo carattere di Enzo Ferrari è noto. Tuttavia, ciò non era incompatibile con il suo buon senso su ciò che accadeva al di fuori del suo piccolo regno di Maranello. Quando Ford gli ha strappato la 24 di Le Mans, non ha avuto problemi a borbottare un 'bella»Prima dell'esibizione del singolare Ken Miles. La stessa cosa che ho fatto quando, nel 1961, Jaguar introdusse la sua E-Type, dichiarando che di "Questa è l'auto più bella mai costruita." Una dichiarazione facile da condividere, dal momento che le prime unità della Jaguar E-Type sono diventate una leggenda del design britannico.

Ideato da Malcom Sayer, le sue linee aerodinamiche formano una scultura in cui è stata applicata la conoscenza estratta dall'industria aeronautica. Un design all'avanguardia sotto il quale si ritrova l'efficiente meccanica della Jaguar E-Type. UN 3 cilindri in linea da 8 litri, derivato dal blocco motore progettato per la XK negli anni '40, che raggiunge nella Jaguar E una potenza di 269CV alimentata da tre carburatori. Il tutto frenato da dischi freno su tutte e quattro le ruote; vera innovazione per l'epoca (non invano furono inventate dal marchio).

Un'icona dell'ingegneria britannica che, nonostante la sua efficienza costruttiva e l'elevata produzione, nei suoi primi anni in catena di montaggio ha visto l'assemblaggio in gran parte fatto a mano. Ciò ha portato all'introduzione di fattori quasi artigianali nell'ambito di una catena di montaggio seriale. Una bella sfida per gli storici del modello, che non verificano abbastanza chiaramente i confini tra una prima e una seconda serie a causa delle numerose modifiche introdotte di settimana in settimana. Ciò che è chiaro è che è stato venduto molto a buon mercato per la macchina che era e il lavoro che comportava.

Tuttavia, la verità è che le prime unità della serie I della Jaguar E-Type sono le più apprezzate. Motivi? Ebbene, non solo sono le più antiche, ma molte seguono ancora gli schemi del primo progetto: quello del modello coupé a due posti. Una matrice da cui sono poi derivate le cabriolet, ma anche i non tanto celebrati modelli 2+2 a passo lungo. È per questo questa Jaguar E del 1961 venduta all'asta su BringaTrailer È un pezzo di grandissimo interesse; ancor di più se si tiene conto del suo interessante per il suo scarso stato originario.

JAGUAR E-TYPE DEL 1961. COPIA PRIMA ORA IN CONDIZIONI ORIGINALI

Presentata nel marzo 1961 al Salone di Ginevra, la Jaguar E-Type ha visto l'inizio della produzione in serie poche settimane dopo. Ecco perché, questo unità completata il 30 novembre 1961, è uno dei primi nella storia del classico di Coventry. Come un "rara avis»Venduta in California tramite British Cars Distributors nel febbraio 1962. Rifinita in un bellissimo Old English White, questa Jaguar E è stata riposta scrupolosamente nel 1978, a quel punto inizia un confinamento in garage fino allo scorso 2019.

Immatricolata dal 1982 presso il Jaguar Associates Club degli Stati Uniti, questa unità non perde le tracce ma non si vede nemmeno fare chilometri. Ecco perché a poco a poco il suo stato era come quello di una capsula del tempo, deteriorando elementi come cromo, gomma o tessuti senza intaccare troppo gli ossidi o i componenti meccanici. Un processo in cui nessun componente originale è stato sostituito, essendo di fatto un recipiente degli effetti del tempo.

Con il contachilometri impostato a circa 72.000 chilometri, questa Jaguar E-Type non ha problemi meccanici. Anche se, come abbiamo commentato, ce ne sono in alcuni componenti legati alle finiture. Quindi che si fa? Conservare la patina del tempo? Ripristinare l'esaurimento? Non diremo niente. Come Mefistofele nel Faust, cercheremo solo di seminare il dubbio nella tua mente. Si Certamente, La verità è che ci sono moltissime unità della Jaguar E restaurate fino all'esaurimento. Un fatto che invita alla riflessione. Ancora di più quando questo classico fa parte del primo anno di produzione della E-Type.

Cosa faresti? Lasceresti lo sfondo scuro del dipinto a consolidare la patina del tempo? Oppure faresti una pulizia scientifica per ripristinare l'aspetto asettico del primo giorno? Pensaci, perché questa controversia riguarda sia le creazioni Jaguar che El Greco. Sia Coventry che il Museo del Prado.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci