in

Da costa a costa in una Oldsmobile del 1903

Solo quattro giorni fa Gioia piove e la sua squadra lasciò Los Angeles, California, per Daytona Beach, Florida; un mese di viaggio da una costa all'altra degli Stati Uniti in una Oldsmobile Curved Dash carrozza senza cavalli 1903. Questa australiana ei suoi meccanici percorreranno una distanza di circa 3.640 chilometri con l'obiettivo di raccogliere 20.000 libbre per la ricerca sul cancro, a una velocità massima di 35 km/h.

Joy è una vecchia leggenda del motorsport del Regno Unito - così come suo padre in Australia con la sua F3 Cooper-Norton sovralimentata - dove ha corso in salita per anni. Ha battuto numerosi record nazionali in questa specialità ai comandi delle sue Murrain Sports Racing Cosworth e Pilbeam-Hart, anche se negli ultimi tempi si è dedicato maggiormente ai rally a lunga distanza. Ne sono un esempio la London-Sidney Marathon (con una Morris Minor '70) o la South American Race, che si corre tra Argentina, Bolivia, Perù ed Ecuador; oltre al Karma Enduro, test svoltosi nel sud dell'India anche a scopo di solidarietà (a bordo di un Hindustan Ambassador! realizzato nel Paese asiatico). Sempre con il suo inseparabile compagno Trevor Hulks.

Pensavo di condividere con lui l'avventura che portiamo su queste pagine, ma quella maledetta malattia se l'è portato via un paio di anni fa. Joy pensò che forse era meglio non andare avanti: “Pochi mesi dopo la morte di Trevor, Gary Hoonsbeen del Curved Dash Oldsmobile Club USA mi ha contattato, il che mi ha suggerito di prendere in considerazione l'idea di fare il viaggio da solo, come tributo. Ho risposto 'mai dire mai', ma davvero non pensavo di poterlo affrontare senza la mia anima gemella".

Didascalia
The Olds su una strada classica, probabilmente vicino a Phoenix, in Arizona

Ora, grazie alla sua famiglia e ai suoi amici, è riuscito a trovare il coraggio per finire ciò che ha iniziato. Inizialmente, l'itinerario del viaggio doveva emulare i pionieri Whitman e Hammond, che nel 1903 e per 74 giorni percorsero la distanza tra San Francisco e New York a bordo di una simile Oldsmobile. Dev'essere stata una vera epopea, attraverso sentieri sterrati e gole agrarie punteggiate di uomini e donne che andavano a ovest in cerca di un futuro migliore; ma è irripetibile, poiché la strada è ormai un'autostrada.

Si è reso necessario, quindi, ripensare la questione per strade secondarie. Joy ricevette un invito dalla città di Oldsmar, fondata da Ramson Eli Olds - a sua volta fondatore dei marchi Oldlsmobile e REO - nel 1913. L'idea di Mr. Olds era quella di creare una grande città a Tampa Bay, sulla costa caraibica della Florida , partendo dal nulla; Ma il progetto andò male e tra il 1923 e il 1935 lasciò lì tutte le sue proprietà. Presto si aspettava una popolazione di diverse centinaia di migliaia, fino a poche centinaia quando iniziò il suo ritiro.

In ogni caso Oldsmar, per la sua posizione, non è un luogo che possa fungere da meta di una traversata tra le coste americane. Ed è per questo che l'australiana ha deciso di farle visita più tardi, dopo aver terminato ufficialmente il suo viaggio a Daytona Beach, dall'altra parte della Florida. L'itinerario, finalmente, è stato come potete vedere in questa mappa di Google, attraverso tutti i tipi di ambienti, inclusi deserti e montagne. Riesci a immaginare come deve essere caricare prima una porta con un Curved Dash come quella nelle foto?

Didascalia
35 km/h, la velocità dei pionieri

Parliamo di lui. Questo modello utilitaria L'allora Olds Motor Works è stata la prima auto nordamericana prodotta in serie e probabilmente la prima ad essere costruita utilizzando una catena di montaggio. Semplice, economico e funzionale, il Curved Dash è stato un successo immediato, contribuendo in maniera determinante con la sua diffusione alla motorizzazione degli Stati Uniti. Tra il 5.000 e il 1901 ne furono realizzati circa 1904 esemplari e, strutturalmente, è molto semplice, con motore monocilindrico a benzina da 7 CV, cambio ad ingranaggi e cambio a due velocità più retromarcia.

Noi di La Scuderia Auguriamo buona fortuna a Joy Rainey per poter portare a termine la sfida che è stata proposta per due buone cause. E così potrai rivivere, ancora una volta, la magia dell'auto. Puoi seguirla su di lei blogin Facebook e Twitter, le piattaforme su cui ci racconterà la sua ultima avventura.

[alert type = 'success'] 20/05/13 - Joy Rainey ha completato con successo il suo viaggio il XNUMX maggio [/ alert]

[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = Nqyb2h3JEiE']
 
 

 
 

Vota questa notizia e Commento!

Cosa ne pensi?

Javier Romagosa

scritto da Javier Romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci