Cammino di Santiago a Biscuter
in

Il Cammino di Santiago, a Biscuter

Nel corso di una settimana, la Sezione Biscuter del Classic Motor Club del Bages ha organizzato il suo particolare Cammino di Santiago. In esso, dodici unità della popolare microcar hanno intrapreso un percorso delizioso con i loro proprietari a bordo, che ha lasciato un segno indelebile su tutti loro.

Sembrava pazzo. Dodici Biscuters leggeri, riuniti a Roncisvalle per andare a Santiago de Compostela. In totale, 870 km da percorrere, evitando le autostrade e visitando luoghi suggestivi.

Tuttavia, tutto era ben preparato. Il misuratore del percorso che correva lungo strade a basso traffico, i dodici Biscuters pronti e alcuni tratti che ci hanno permesso di avanzare senza rischi, al ritmo ragionevole richiesto dal modello.

Cammino di Santiago a Biscuter
Nuvole cupe all'uscita di Roncisvalle

Tra i partecipanti, una maggioranza di catalani, ma anche biscutisti di Andalusia, Asturie, Castilla y León, Castilla-La Mancha, Comunità Valenciana, La Rioja, Madrid e Paesi Baschi.

E già con i ristoranti e gli hotel presidiati e riservati in anticipo, per evitare contrattempi dell'ultimo minuto.

[= »Annuncio» = »
.
 
»« »« Url: https% 3A% 2F% 2Fwww.escuderia.com% 2Fcontacta-con-la-escuderia% 2F || target:% 20_blank »« »=» »« 0 »=» »=» no-border »_Width =» 1 ″ = »# 1e73be» = »# 222222 ″ =» # ffffff »=» 2 ″ = »50 ″ =» # 333333 ″ = »»]

Esci dalla benedizione

Con tutti i Biscuter riuniti a Roncisvalle, il parroco diede loro la benedizione prima di iniziare la marcia. Quel primo giorno visitarono il Monastero di Santa María de Eunate e si fermarono a pranzo a Puente la Reina.

Dopo essersi riuniti a Viana -l'ultimo paese navarrese- all'ingresso del capoluogo La Rioja, la Polizia Municipale di Logroño li ha guidati su una spianata centrale.

Nelle vicinanze si trovava la Cattedrale di Santa María de la Redonda, che ebbero l'opportunità di visitare. Nel frattempo, quella domenica pomeriggio, il pubblico di tutte le età è stato fotografato con i Biscuters.

In ogni caso, la gente non è rimasta sorpresa da questa avventura, perché a Logroño sono abituati a vedere passare i pellegrini che fanno il viaggio a piedi, in bicicletta e persino a dorso di asino. Visto così, viaggiare a Biscuter è un privilegio.

Cammino di Santiago a Biscuter
Le soste per riposare sono necessarie, come questa a Bodegas Villarrica

[pro_ad_display_adzone id = »41633 ″]
 

Verso Burgos

Dopo aver passato la notte all'hotel San Camilo, a Navarrete, vicino a Nájera, si sono fermati a visitare le cantine del Señorío de Villarrica.

Lì, il loro proprietario ha mostrato loro le strutture e ha offerto loro un vino di cortesia, accompagnato da uno spuntino per ridurre al minimo gli effetti dell'alcol quando si rimetteva al volante.

Alla fine, la carovana dei biscotti marciò verso la Castiglia e si fermò a pranzo vicino a Burgos.

Cammino di Santiago a Biscuter
Alle porte del Monastero di San Antón, a Burgos

Al termine del pasto, tre membri del Club dei veicoli storici di Burgos li hanno condotti al Museo dell'evoluzione umana. Poi si sono avvicinati alla Cattedrale e nel pomeriggio hanno attraversato la parte vecchia della città.

E quella stessa notte era lavoro, poiché un Biscuter ha rotto un giunto sferico dello sterzo e un altro ha afferrato una biella. Entrambi i guasti sono stati riparati grazie al generoso aiuto del concessionario Volvo Trucks.

Nelle terre di Palencia

Dopo aver preso la N-120 all'uscita di Burgos, i biscutisti proseguirono per Frómista, già a Palencia. Lì hanno visitato la mostra Vestigia, situata accanto al Monastero di Santa María del Castillo.

Cammino di Santiago a Biscuter
Piccole auto alla ricerca di grandi edifici...

Partirono poi per Carrión de los Condes, città dove mangiarono ed entrarono nel Monastero di San Zoilo e persino nel suo chiostro.

Fino ad allora, i Biscuter hanno risposto perfettamente, con i loro affidabili 60 km/h di crociera e le salite dei porti in seconda, senza accelerare troppo per non soffocare il motore.

 

Continua a pagina 2...

Cosa ne pensi?

Ignazio Saenz

scritto da Ignazio Saenz

Sono Ignacio Sáenz de Cámara, sono nato a Vitoria più di mezzo secolo fa. Come capita a molti di voi, anch'io ho sofferto/goduto fin da giovane di quell'attrazione incontenibile verso qualsiasi autoveicolo. Crescendo, ho visto che mi piaceva anche leggere tutto quello che cadeva... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci