in

6 ore di Spa-Francorchamps, competizione allo stato puro

Dal 20 al 22 settembre 2013, centinaia di squadre sono accorse sul circuito di Francorchamps per disputare la gara di durata di 6 ore, una delle più dure del calendario internazionale nella sua specialità.

Sebbene questa competizione sia il momento clou, molte altre attività sono integrate in un ricco programma per tutto il fine settimana. Le gare in programma erano le seguenti:

[citazione]

→ Categoria Sport britannico; Sfida GT
 
→ Categoria Masters Turismo (serie Top Hat)
 
→ Trofei Woodcote e Stirling Moss
 
→ Campionato FIA Masters di Formula 1
 
→ Competizione automobilistica storica U2TC
 
→ Maestri Signori Piloti

[/ su_quote]

[embed_vimeo id = '76939748 ]
Crediti: Daniele Feri, di Vimeo. Tra l'altro, fa i video delle gare a cui partecipa, e la verità è che non sono affatto male. Cerca finanziamenti.

[citazione]

→ Associazione auto storiche da Gran Premio
 
→ Sfida Interserie CanAm
 
→ Historic Motor GT fino al 1963
 
→ Club auto storiche Categoria Sport
 
→ Categoria Sport FIA Masters Championship
 
→ Gara di resistenza di 6 ore

[/ su_quote]

Il telaio Lotus 79 n. 2 rivela la tua biancheria intima
Lotus 79 telaio #2 scoperto

Dal venerdì mattina i motori rombano nelle prove libere e nelle sessioni cronometrate per formare l'ordine delle griglie di partenza di sabato e domenica. Il ballo dei meccanici, camion con rimorchio, scarico auto, ricambi e pneumatici, occupazione degli spazi assegnati e organizzazione di tutte le aree disponibili nel paddock, sono di per sé uno spettacolo paragonabile alle stesse gare annunciate.

Sabato mattina le cose serie iniziano alle nove e finiranno solo a tarda notte con l'arrivo bandiera della gara delle 6, che si svolge tra le quattro del pomeriggio e le dieci di sera.

Il sabato sera è la notte più lunga a Francorchamps in quanto, dopo la gara, le squadre celebrano e discutono gli eventi della giornata nelle loro tende appositamente allestite, spesso in costosi autotreni simili a quelli utilizzati dai moderni team di Formula 1 dove le comodità non mancano.

Una Porsche Carrera 3 RSR è un oggetto prezioso sui circuiti veloci
Una Porsche Carrera 3 RSR è un oggetto prezioso sui circuiti veloci

SAPORE INGLESE

La domenica la giornata si accorcia, le attività terminano alle 6 del pomeriggio, per consentire agli inglesi di arrivare puntuali per i traghetti che attraversano la Manica. Va notato a questo proposito che le 6 ore di Francorchamps sono una festa eminentemente britannica, poiché le squadre di quella nazionalità rappresentano il novanta per cento della partecipazione totale.

Ogni volta che si presenta l'occasione, gli inglesi mostrano il loro interesse e la loro lunga tradizione nelle competizioni di auto d'epoca e Francorchamps è il circuito più vicino al di fuori dei loro confini. Inoltre, non mancano mai i pretesti per trovare in competizione commemorazioni ed effemeridi della sua lunga storia.

L'anno 2013, ad esempio, ha segnato il 55esimo anniversario della prima partecipazione di Jim Clark a una carriera internazionale al di fuori della Gran Bretagna. Si è svolto proprio sulla pista belga nel 1958, dove ha corso con una Jaguar D-Type "usata", la sua prima vera auto da corsa. Nonostante sia uno dei circuiti naturali più belli del mondo, a Clark non è mai piaciuto e ha salvato mentre viveva un brutto ricordo di un incidente mortale in cui morì uno dei partecipanti, proprio in quella prima gara importante della sua vita sportiva.

La Jaguar D di Jim Clark riceve tutte le cure dell'organizzazione
La Jaguar D di Jim Clark riceve tutte le cure dell'organizzazione

La Jaguar D che guidava, bianca fin dall'origine e conservata come oggetto di culto, è tornata a Francorchamps per competere per i trofei Woodcote e Stirling Moss. Il suo attuale proprietario, il brasiliano Monteverde, è riuscito a salire ad un lodevole settimo posto, affrontando vetture come la Maserati 200SI, la Lister Bristol o la Lister Costin del vincitore Ward.

La categoria riservata alle auto CanAm, della famosa serie Canada-America, era molto spettacolare, come annunciavano con un grande boato le trombe di aspirazione sporgenti che sfoggiavano tali veicoli.

Il follow-up delle diverse gare ci permette di scoprire molti aspetti di maggiore o minore interesse ma che, comunque, contribuiscono ad arricchire le giornate e la migliore conoscenza dei partecipanti, sia mezzi che piloti. Ad esempio, si parla molto della superstizione di alcuni piloti. È vero che molti usano amuleti, più o meno nascosti o esposti. Nella categoria dei superstiziosi confessi, il pilota di una Ferrari 250GT SWB ha attirato l'attenzione con una scarpa attaccata alla coda della vettura.

Molti piloti sono superstiziosi, nota la scarpa portafortuna attaccata alla Ferrari 250GT SWB
Molti piloti sono superstiziosi, nota la scarpa portafortuna attaccata alla Ferrari 250GT SWB

Sei ore e Formula 1 Storica

La 6 ore, dura prova di resistenza dove le squadre non danno un quarto, è un confronto tanto atteso del calendario internazionale e ricorda la 24 ore di Spa-Francorchamps in versione compressa.

Dalla lunga lista di partecipanti, 102 squadre sono riuscite a qualificarsi, ma le differenze tra il primo e l'ultimo della lista finale erano abissali. Le potenti Ford GT40 circolano a velocità medie dell'ordine dei 151 km/h, mentre le modeste MGB si accontentano di medie di 128 km/h.

Ricordiamo di sfuggita che nell'edizione 2013 non c'era nessuna squadra spagnola iscritta, sebbene ce ne fossero alcune dalla penisola iberica, in arrivo dal Portogallo.

Inizio gara di 6 ore. Le Ford GT40 non darebbero scelta alle rivali, anche se una Corvette era vicina alla vittoria
Inizio gara di 6 ore. Le Ford GT40 non darebbero scelta alle rivali, anche se una Corvette era vicina alla vittoria

Per illustrare i risultati della gara di durata, basti ricordare che dei primi dieci posti sulla griglia di partenza, otto erano Ford GT40. Un risultato che si è riflesso anche nella classifica finale, con sette GT40 nella top ten.

Sono riusciti a controllare il dominio della Ford una Chevrolet Corvette - coadiuvata dalla guida di Jan Lammers, vincitore della 24 ore di Daytona e della 24 ore di Le Mans -, seconda classificata, e di una sorprendente Lotus Elan giunta al traguardo in settima posizione, correndo alla media di 142 km/h.

Il vincitore della prova è stato Leo Voyazides al volante della GT40 nei colori del team Filipinetti, che ha ripetuto il successo dell'edizione 2012. All'inizio degli anni 'XNUMX, lo svizzero George Filipinetti ha fondato una delle scuderie private più famose al mondo, paragonabile a quelle di Luigi Chinetti (NART) o Jacques Swaters (Francorchamps). Le loro vetture continuano a conquistare vittorie nelle categorie storiche.

[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = 91hitqPf04o']
Crediti: Pilota Patrick Simon, da Youtube, nei primi giri delle 6.

Contrasta la velocità media più alta della storica Formula 1, che è dell'ordine dei 186 km/h, ma in gare di 25 minuti.

In questa specialità il giovane Michael Lyons si è dimostrato più forte, l'unico partecipante più giovane dell'auto che guida, una Hesketh 308E del 1975. Lione ha dominato in gran parte sia le gare di sabato che di domenica. A conferma dei suoi ottimi risultati su altri circuiti, Lione è indicato come il pilota più promettente nello storico campionato FIA Master di Formula 1.

Leggendo attentamente il regolamento di questo campionato, tralasciando gli aspetti sportivi e tecnici, traiamo una felice conclusione per gli sponsor che negli anni Settanta e Ottanta mettevano pubblicità sulle vetture di Formula 1.

Ciò richiede che le vetture rispettino la loro configurazione originale, sia tecnicamente che in termini di aspetto esteriore, colori, decorazioni e pubblicità. In altre parole, gli sponsor che hanno pagato le squadre per portare la loro pubblicità per una stagione l'avranno perpetuata per più di cento anni - ammesso che le vetture sopravvivano e continuino a partecipare a un campionato FIA; l'investimento iniziale era in definitiva a buon mercato. In questo modo la FIA intende anche preservare l'ambiente storico e i dintorni nella ricreazione delle gare di Formula 1 del periodo menzionato.

[embed_vimeo id = '76439240 ]
Crediti: Daniele Feri, di Vimeo.

La bellezza di Spa-Francorchamps

Non smette di ripetersi in tutte le cronache che Francorchamps è uno dei circuiti più belli della storia del motorsport, affermazione su cui non siamo in disaccordo La Scuderia.

Nonostante il percorso originale di 14 chilometri sia stato ridotto a 7 per motivi di sicurezza, il percorso belga conserva un ambiente naturale di grande ricchezza ecologica, poiché è stato mantenuto un equilibrio tra le nuove strutture e il suo ambiente montuoso e boscoso. La zona è molto ricca di acqua e, appunto, questa è la più famosa nel mondo delle corse automobilistiche.

Una delle curve più strette di tutti i circuiti di Formula 1 si trova qui e si chiama The Source -la sorgente-, mentre la discesa e la curva di l'Eau Rouge -red water- è forse uno dei luoghi dove si sono svolti i duelli più famosi nella storia del motorsport. L'acqua rossa prende il nome dal colore che assume quando scorre su un terreno roccioso con sfumature rossastre.

Didascalia
L'Eau Rouge, forse uno dei luoghi dove si sono svolti i duelli più famosi della storia del motorsport

La Source è alla fine del rettilineo principale, quindi le vetture si stanno avvicinando alla loro velocità massima, facendo lavorare brutalmente i freni. Molto caratteristico il bloccaggio della ruota anteriore destra, con la curva a gomito a destra, da dove inizia una discesa verso l'Eau Rouge. Il passaggio delle vetture CanAm a La Source, con i motori in stallo che sputano fiamme dai tubi di scappamento e i freni che stringono i dischi, richiede una certa abilità per uscire con grazia dalla trance.

A l'Eau Rouge segue il pendio più ripido del circuito che curva a destra, noto come Raidillon. Dal punto più basso del ponte che attraversa il torrente all'inizio del rettilineo del Kemmel, anch'esso in salita, le vetture superano un improvviso dislivello di 24 metri in circa cento metri. La salita prosegue sul rettilineo di Kemmel, ma con un dislivello meno accentuato. Si tratta quindi di un circuito dove la potenza dei motori può creare grandi differenze.

Una passeggiata per Francorchamps ci permette un approccio storico in ogni angolo rilevante del suo percorso, così come l'immersione in un luogo di grande ricchezza naturale.
 
 

 
 

Immagini a grandezza naturale (1.280 px circa)


 
 

Vota questa cronaca e Commento!

Cosa ne pensi?

Mario Laguna

scritto da Mario Laguna

Mario Laguna, autore del libro "The Pegaso Adventure", studioso e osservatore della storia dell'automobilismo, dei marchi e dei personaggi. Frequentatore assiduo di competizioni automobilistiche, di categorie attuali o storiche, concorsi internazionali di eleganza, conferenziere... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci