6 Ore di Spa 2014
in

6 ore di spa: King Elan

In condizioni climatiche tipiche delle Ardenne, la 6 ore di Spa si è svolta sul circuito di Francorchamps il 20 settembre.

Sotto il nome generico di 6 ore, a Francorchamps si svolgono 12 gare che si svolgono il sabato e la domenica, con la giornata del venerdì dedicata all'allenamento per stabilire l'ordine delle diverse griglie di partenza. Dal 19 al 21 settembre 2014 la 6 Ore di Spa ha raggiunto la sua 22° edizione, confermando il successo e gli incentivi a cui gli organizzatori ci hanno abituato.

Tuttavia, a parte i freddi dati statistici, la mia impressione generale è che nel 2014 il numero di partecipanti sia leggermente diminuito rispetto alle precedenti edizioni più apprezzate.

Per condizioni tipicamente Ardennesiane, a cui abbiamo accennato prima, si intende un improvviso cambiamento da sole e cielo sereno a piogge torrenziali in un breve lasso di tempo. In pochi minuti, una pista asciutta può trasformarsi in una piscina dove le auto in corsa hanno l'effetto di un tuffo che le fa perdere il controllo prima che possano cambiare le gomme.

[su_youtube_advanced https = »sì» url = »https://youtu.be/rHg7HRZYiGs»]

Incidenti e incentivi

È proprio quello che è successo sabato, quando la partenza delle ore 6 è stata data sotto un cielo splendido e dopo pochi minuti di gara si è scatenato un terribile acquazzone, che ha prodotto incidenti e partenze incatenate della pista. Una collisione a catena di tre auto si è verificata sul rettilineo della tribuna, appena sopra il traguardo.

Fortunatamente non ci sono state lesioni personali e solo le auto sono state danneggiate. Ricordati che solo poche settimane fa c'è stato l'ultimo incidente mortale in una competizione di auto d'epoca sul circuito britannico di Silverstone, quando Denis Welsh morì alla guida di una Lotus a luglio, la cui ombra aleggiava per qualche istante su Francorchamps.

Le safety car sono intervenute più volte, lasciando la gara neutralizzata e permettendo ai team di mettere in campo la loro migliore strategia, cambiando le gomme, facendo rifornimento e alternandosi con i piloti senza essere penalizzati dal cronometro.

Per vincere a Francorchamps, che è un circuito di tipo veloce, con una salita forte e lunga, la ricetta è la potenza dei motori. Non sorprende che le prime posizioni siano state rilevate dalle Ford GT40 negli ultimi anni, circostanza confermata anche nel 2014.

6 Ore di Spa 2014
Le GT40 vanno all'attacco e si portano al comando fin dall'inizio

La Ford GT40

Al via non meno di 10 Ford GT40, di cui 7 occupavano le prime posizioni in griglia, con una al nono posto e altre due all'11 e 12.

Come previsto, non appena la bandiera di partenza è stata abbassata, Le GT40 hanno stabilito un ritmo che pochissimi potrebbero seguire, allontanandosi notevolmente dal resto dei concorrenti fino allo scoppio del primo temporale nel corso della prima ora, con una Jaguar E che sale rapidamente al quinto posto. Nella seconda ora, 3 Jaguar E hanno occupato la quinta, la sesta e la settima posizione, con una delle GT40 che è scesa al numero 89.

Re Elan

Tuttavia, il re della giornata difficile è stato senza dubbio una Lotus Elan (foto di testata) che, partita in ventesima posizione, ha scalato posizioni e ha sorpassato le vetture senza che i più potenti potessero impedirlo.

Tra l'ammirazione del pubblico e dei suoi concorrenti, il team britannico composto da Wilson, Wolfe e Stirling è riuscito a salire al settimo posto nella classifica generale, dietro a 5 Ford GT40 e una Jaguar E, davanti a una sesta GT40 classificata in ottava posizione .

Come dati comparativi, il giro più veloce della Lotus Elan è stato cronometrato a 139,100 km/h, mentre quello della Ford GT40 si è classificato ottavo a 146,171 km/h, il che indica una maggiore regolarità della Elan mantenuta durante la dura prova di 6 ore. .

In condizioni di precaria stabilità, Il Lotus Elan ha la formula magica per sconfiggere i suoi avversari più potenti: leggerezza, manovrabilità e frenata. Bisogna anche tener conto che la differenza di prezzo di acquisto tra una Ford GT40 e una Lotus Elan è abissale, così come l'imbattibile costo di manutenzione della Elan, che la rende un'auto ideale per principianti e team con mezzi modesti che, tuttavia, può dare un assegno alle squadre più dotate.

La gara è stata vinta dalla Ford GT40 del team Ferrao-Stretton, davanti a Voyazides e alla GT40 di Hadfield.

Nessuna squadra spagnola si azzardò a partecipare in questa occasione.

[su_youtube_advanced https = »sì» url = »https://youtu.be/ShVEkuP483M»]
Sotto la pioggia di Spa con una Austin-Healey 3000

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Le gare

Le diverse gare che si svolgono durante il fine settimana sono le seguenti:

Formula Junior

Master categoria Turismo (pre-66)

Trofei Woodcote e Stirling Moss

Campionato FIA Masters di Formula 1

Competizione automobilistica storica U2TC

Maestri Signori Piloti

Associazione Auto da Gran Premio Storica

CanAm Interserie Challenge

Motore storico GT U2TC

Categoria Sport Club Auto Storiche

FIA Masters Championship categoria Sport

Gara di durata di 6 ore

[/ Su_note]

6 Ore di Spa 2014
Fierro piazza la sua Maserati 250F sulla griglia di partenza

spagnolo

Squadre spagnole, sempre scarse nelle competizioni classiche internazionali, tornarono a brillare per la loro assenza, non solo nella corsa di 6 ore, ma nel resto delle discipline in programma. Joaquín Folch, che di solito è uno degli habitué delle migliori categorie di Francorchamps, sebbene fosse nella lista degli iscritti, non si è presentato sulla griglia di partenza.

Al contrario, Guillermo Fierro, di cui abbiamo rilevato la presenza all'AvD Oldtimer Grand Prix al Nürburgring, si è esibito per la prima volta a Francorchamps, ottenendo un ottimo risultato ottenendo il quinto posto nella classifica generale nella sua carriera da Grand Historical Cars Association. domenica 21.

Partito decimo sulla griglia di partenza, Fierro si è portato in ottava posizione a quindici minuti dalla fine della gara, portandosi in sesta posizione a un minuto dalla fine. Nel corso dell'ultimo giro, Fierro ha guadagnato un'altra posizione, chiudendo in quinta posizione.

Guillermo Fierro ha avuto la gentilezza di raccontarmi della sua partecipazione a gare classiche, oltre che di presentarmi nel dettaglio la sua straordinaria Maserati 250F del 1957, con un'interessante storia nelle competizioni, essendo stata una vettura guidata da Francisco Godia (in non di proprietà, poiché come sappiamo Godia in seguito ebbe un'altra 250F simile), l'auto di Fierro fu utilizzata anche in competizione da Luigi Musso, Stirling Moss e Luigi Villoresi, tra gli altri.

Per molto tempo, Le Maserati sono state un po' nell'ombra delle loro compagne Ferrari, Tuttavia, con l'arrivo del centenario del marchio stanno ottenendo un meritato riconoscimento, trattandosi di autentiche auto da gran premio.

Ora ammireremo alcuni dei suoi motori a sei cilindri, senza farci ingannare dalle dodici candele e dai due magneti, trattandosi di motori a doppia accensione.

6 Ore di Spa 2014
Hartley's Arrows A4 ha tutte le carte in regola per vincere il campionato

Campionato FIA Masters di Formula 1

La massima categoria, anche nelle classiche, è ancora la Formula 1, anche se la griglia di partenza è stata meno affollata che in altre occasioni, con solo 16 partecipanti.

Si conferma il britannico Hartley il più veloce della stagione che, al volante della sua Arrows A4, ha vinto nuovamente la gara di domenica, dopo essere arrivato secondo in quella di sabato.

L'ombra del tuo sorriso

Due Shadow erano attive nelle rispettive categorie F1 e Can-Am, sfoggiando il colore delle ombre. Non c'era nessun'altra macchina così brutta in pista come la Shadow MK1 Can-Am del tedesco Lagaaij, le cui forme ricordano un luogo dove prima o poi saremo tutti e non di nostra spontanea volontà.

Leggermente meno cupa, la francese Audi Formula 5 Shadow DN1 (così sillabata come il marchio automobilistico), è stata l'auto di JP Jarier nella sua vita attiva.

Ferrari

Tra i tanti esempi del marchio di Maranello, evidenzieremo quella che risulta essere la meno Ferrari tra le Ferrari, ovvero la Dino. Fu però proprio una 246S con motore V6 Dino la migliore classificata, ottenendo il secondo posto in carriera per i Trofei Woodcote e Stirling Moss.

Pneumatici

Non è un segreto che le gomme siano una parte essenziale della quale la vittoria dipende in molte occasioni. I team classici sono dotati della varietà di pneumatici richiesta dalle condizioni meteorologiche. Le qualità delle gomme mettono il controllo sulla durata, quindi solo il budget per ruote e pneumatici per una singola gara rovinerebbe chiunque senza un consistente sostegno finanziario.

6 Ore di Spa 2014
Ci vogliono montagne di gomme costose per correre un fine settimana

Curiosità

Nel paddock abbiamo osservato la presenza di una bellissima Montesa immatricolata in Gran Bretagna.

Un negozio specializzato in manifesti pubblicitari rilanciava una ristampa di manifesti che annunciavano i grandi premi a Francorchamps, mettendo in risalto uno del giugno 1947 con un'atmosfera molto ben riuscita.

Nel parcheggio visitatori che, come sappiamo, A volte è interessante da visitare quanto il paddock stesso all'interno del circuito, le auto rare abbondavano. Per rare si devono intendere non le auto più belle o le più brutte, le più costose o le più economiche, ma quelle che vediamo raramente, anche quelle che scopriamo per la prima volta.

Tra questi ricordiamo Mida (ne erano venuti non uno ma due), in ricordo del re che trasformò in oro tutto ciò che toccava; Qualcuno ha mai sentito parlare di una Helguero Sport?L'abbiamo vista e ci siamo dovuti avvicinare per convincerci che non fosse una Ferrari; Esiste un'auto più brutta e sproporzionata della Pacer X? Personalmente non so cosa stessero pensando quando l'hanno progettato. Sembra che non fosse affidabile neanche dal punto di vista meccanico.

Prezzi

Il biglietto generale dà diritto all'accesso al paddock e alle tribune, nonché all'area box fino alla Pit Lane (demarcazione con il circuito stesso), costa 30 euro per il weekend e 20 euro solo per la domenica. Il parcheggio si paga a parte in quanto gestito da un'altra società, le sue tariffe variano in base alla località.

La patata d'oro

Il piatto nazionale belga per eccellenza è semplice: un cono di patatine fritte con salsa per soddisfare il consumatore.

L'euro, responsabile di un rialzo dei prezzi senza la modulazione consentita dalle valute nazionali (aumenti improvvisi di un prodotto dell'ordine di 166 pesetas erano rari, ma ora un aumento di 1 euro ha quell'impatto), ha portato al cono di patatine che costava 3 euro (500 pesetas) nel 2013, è sceso a 4 euro nel 2014 (664 pesetas, con cui si poteva mangiare qualcos'altro prima, anche fuori dalla Spagna).

Tuttavia, una visita a Francorchamps non è completa senza aver mangiato un buon cono di patatine ai piedi della vecchia torre di controllo, guardando (e ascoltando) le vetture che passano verso la griglia di partenza.

[su_youtube_advanced https = »sì» url = »https://youtu.be/ZhL32gLpQC0 ″]

Cosa ne pensi?

Mario Laguna

scritto da Mario Laguna

Mario Laguna, autore del libro "The Pegaso Adventure", studioso e osservatore della storia dell'automobilismo, dei marchi e dei personaggi. Frequentatore assiduo di competizioni automobilistiche, di categorie attuali o storiche, concorsi internazionali di eleganza, conferenziere... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci