24 ore di ascari parte prima
in

Cronaca: 24 Ore di Ascari - Parte 1

TESTO 24 ORE DEI CLASSICI ASCARI: ANTONIO SILVA / FOTO: 8000 GIRI E AS

Tutti gli appassionati di motorsport, e in particolare i classici, hanno sempre sognato nella nostra vita con la partecipazione a un circuito di prova. La verità è che per il tifoso medio è davvero difficile entrare in un circuito per divertirsi; solo in eventi come Porte aperte di Jarama, o ai festival, possiamo girare per pochi minuti, molte volte con auto non ben preparate.

La filosofia 24h di Ascari, organizzato da 8000 giri, È proprio questo: mettere a disposizione dei tifosi con un budget ridotto la possibilità di formare una squadra e guidare in pista per non più e non meno di 24 ore. E, nonostante i partecipanti cerchino di dare il massimo, prevale sempre la voglia di divertirsi, lasciando in secondo piano l'inappellabile competitività delle gare.

Le regole e le complessità dell'evento, Puoi vederli qui.

24 ore di ascari pripera parte
La 24 Ore di Ascari offre la possibilità di partecipare ad un evento del circuito ricreativo con un budget contenuto affordable

Per riassumere un po' le informazioni, ti dirò che il test è progettato per veicoli fabbricati prima del 31 dicembre 1994 (25 anni), suddivisi in 3 categorie a seconda delle dimensioni. In pratica, la categoria media è quella che riunisce il maggior numero di partecipanti, con macchine compatte con meccanica atmosferica inferiore a 160 CV. È obbligatorio dotarli di un roll-bar, anche se può essere autocostruito seguendo le precise istruzioni descritte nella guida.

Le vetture devono essere praticamente "standard", permettendo loro di essere alleggerite e ritoccate alle sospensioni e ai freni, anche se questi devono provenire da vetture di grande serie.

Tutto questo si traduce in una griglia di partenza piena di "giovani" anni XNUMX: Golf, Astra, Nissan Sunny, BMW ... e altri più rari come Saab 900, Toyota MR2 o Mazda MX-5. In generale, tutte le auto possono essere acquistate con un budget inferiore a 3000 euro, anche se ovviamente ci sono delle eccezioni. Vi lasciamo un video del team dell'agenzia di comunicazione Premi per correre dall'edizione dell'anno scorso per darvi un'idea:

24 Ore di Ascari: la mia esperienza

La scorsa primavera, io e un buon amico ci riscaldiamo leggendo Precedenti di Ascari in diversi social network. E se dovessimo preparare un'auto, e se quella dovesse essere provata... ecc ecc. Aveva un desiderio folle, e io non ero lontano da lui; sì, un server aveva un asso nella manica.

Un terzo amico, di Valencia, partecipava da anni, e me lo aveva detto nella sua squadra offrivano un po' di "posto" per la prova se ha contribuito a coprire le spese, risultando così meno gravoso per lui ei suoi compagni vivere l'esperienza. Avevo già letto di questo acquisto in Pelle di toro che fosse il modo migliore per correre e imparare in vista di formare una nostra futura squadra, o semplicemente per divertirsi senza investire tempo in macchina e/o prepararsi in anticipo.

Quindi mi era chiaro: ho esposto l'argomento in una caffetteria con delle coca cola, e proprio lì ho chiamato il mio amico valenciano Javier, capitano della squadra AdequaSpain-Hortaclassics. Sapeva che non era facile, perché chiedeva due posti, il massimo era di 8 piloti per squadra, anche se l'optimum per guidare bene 6. Così, ci uniamo all'avventura con la tua Astra GSI.

Più tardi, durante il mese di marzo, abbiamo detto al resto della banda di fanatici del gas che eravamo soliti frequentare le nostre "cazzate". Subito, Sapevamo che avremmo avuto bisogno di più posti anzi molti di più. Infine, parlando di nuovo con Javier, abbiamo ottenuto due viaggiare più in una squadra sorella di Adecua-Horta, LosAbetos-Hortaclassics. Formata da amici di Javier, e anche dal club Hortaclassics, avevano preparato un'altra Astra e questa era la loro prima partecipazione.

24 ore di ascari pripera parte
Una seduta attraente ed emozionante. Andiamo la

Arrivo a Malaga e briefing

Venerdì 21 settembre i 4 membri di Madrid sono arrivati ​​a Ronda all'ora di pranzo. Se non lo sei stato in questo circuito, devi andare; l'accesso, da una stradina tra i lecci, è bucolico. Non appena si corona un piccolo pendio, si inizia a vedere un sentiero circondato da erba perfetta, lecci secolari, asfalto incredibile... Semplicemente non ci credi Ad oggi non conosco circuito più bello della penisola.

Ha 5.425 m e 26 curve, che copiano e in molti casi migliorano le più note di Daytona, Spa, Nurburgring o Silverstone. Le strutture sono più vicine a quelle di un Resort di lusso (che è anche un resort di lusso) rispetto a quello a cui è abituato il tifoso quando si reca a Jarama, Calafat o Ricardo Tormo. Una Pit Lane e Boxes montati su un'architettura andalusa, con pareti bianche e interni immacolati. Il garage privato per i soci, di cui abbiamo potuto ammirare una parte, è semplicemente onirico.

Alle 16:00 eravamo accanto alle nostre Astra, preparati per il brifing delle corse gratuite che avevamo pagato in modo che i principianti familiarizzassero con l'esperienza. Oltre alle consuete norme di sicurezza, e una revisione di cosa significa ogni bandiera, siamo stati informati del posizionamento di una serie di coni in ogni curva ...

I primi due coni rossi che vediamo in parallelo su entrambi i lati della pista quando si raggiunge una certa curva segnano il punto di partenza consigliato per la frenata; A pochi metri si vede un unico cono rosso, che segna il vertice dell'inizio teorico della nostra traiettoria, e al centro della curva il punto centrale della stessa segnato da un cono verde, per terminare con il punto di uscita del traiettoria segnata da un altro cono rosso. Seguire questi coni è stato il miglior consiglio che ho ricevuto da Ascari, ed è utile al 100%.

24 ore ascari classics partecipano
Briefing, tutti attenti a consigli molto utili

L'Astra e il suo tallone d'Achille

Dopo di che, siamo andati alle macchine. Nel nostro caso era stato montato un secondo sedile del passeggero, per rotolare a due a due e per insegnare ai neofiti l'arte della materia. Nel mio caso, sono dovuto uscire con Javier Grau al volante, che prima ha rotto il circuito con un giro lento e poi mi ha dato tre giri a velocità maggiore e poi finalmente ho preso il volante.

Ho cercato il solletico alla nostra Astra nelle corse del venerdì e del sabato mattina, per vedere il limite della macchina e cosa è successo quando è partita ... ho scoperto che in una curva semplicemente amato se si esagerava, o se si esagerava con l'acceleratore, si producevano due effetti (entrambi negativi): da un lato un massimo degrado delle gomme, dall'altro un marcato sottosterzo. Entrambe le cose si sono risolte naturalmente alzando il piede destro dall'acceleratore, evidentemente MAI toccando il freno.

Se sei passato con questo secondo pedale o hai segnato la curva con quello ancora premuto, l'asino tendeva a cedere; All'inizio era abbastanza spaventoso, ma poi mi sono divertito a smontare il mio carro posteriore all'ingresso delle curve mentre passavo dal quinto o quarto al terzo. Nella chicane dopo il traguardo, andare abbastanza forte in quinta era uno dei momenti in cui si poteva godere (a volte facendo un po' di matti) questa particolarità.

24 Ore di Ascari: dai inizio alla festa

La 24 Ore di Ascari consiste sostanzialmente nel guidare 24 ore senza interruzione, ad eccezione dei pit-stop per cambio pilota, riparazioni o rifornimento. I pneumatici sono limitati a 10 unità, comprese quelle dell'auto. Altre condizioni da tenere in considerazione sono i seguenti:

♦ Nessun conducente può guidare per più di 3 ore consecutive.
♦ Qualsiasi pit stop deve essere di almeno 7 minuti.
♦ Non è possibile rifornire più di 45L di carburante alla volta.

24 ore di ascari pripera parte
Certamente, questa Citroën è stata una delle più eccentriche della 24 Ore

I nostri giri di qualifica all'inizio non erano particolarmente brillanti, dato che potevamo girare solo a 2:57; lontanissimo dal 2:52,02 segnato dallo stesso pilota già impegnato nei lavori. La verità è che la posizione di partenza non conta troppo, e sebbene fosse un errore totalmente rettificabile, non avrebbe contribuito molto nemmeno, e se ne rimaneva abbastanza, perché per fare un tempo eccezionale devi correre dei rischi e punire alcuni pneumatici anteriori che devono durare più di 6 ore.

Con uno dei piloti più esperti, abbiamo iniziato il test. Dopo pochi giri ero già tra i primi 16; intanto la marcia procedeva a ritmo frenetico per la nostra Astra. Ciò ha fatto sì che, dopo poco più di 2h 15 minuti, il nostro pilota avvisare di un guasto al carburante e fermati per 7 minuti per fare rifornimento e cambiare driver...

LEGGI LA PARTE 2 DI QUESTA CRONACA

Cosa ne pensi?

Antonio Silva

scritto da Antonio Silva

Mi chiamo Antonio Silva, sono nato a Madrid nel 1973. Grazie alla mia azienda ho potuto conoscere in prima persona tutte le case automobilistiche nazionali e alcune europee, oltre a molte delle fabbriche di componenti, questa non essendo altro che uno stimolo in più per il mio hobby... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci