in

SorpresoSorpreso

FIAT 128 Moretti Targa. Versione open-air della popolare utility

Una moltitudine di versioni sportive sono state realizzate della FIAT 128 e 124 sia dal marchio che da formatori e allestitori indipendenti. Tanti che ce n'erano anche all'aperto come la Moretti Targa. A sua volta una variante del modello coupé che il carrozziere torinese realizzò sotto l'egida della stessa FIAT, che offriva l'auto nella propria rete di concessionari.

Se confrontiamo la storia del motorsport italiano con quella tedesca o inglese sembra esserci una costante per quanto riguarda la varietà dei marchi. Tuttavia, la verità è che le apparenze spesso ingannano. Prova ne è che mentre in Inghilterra o Germania i marchi sono diversi ma anche autonomi, in Italia sembra esserci un'inerzia a gravitare intorno a FIAT. Così le cose, la maggior parte delle abbondanti case automobilistiche italiane, sono dipese in buona parte dalle decisioni prese dalla presidenza della casa torinese.

In questo senso, l'ultima grande acquisizione è stata quella dell'Alfa Romeo nel 1987. Qualcosa che ha affiancato quella di Ferrari e Lancia nel 1969 o quella di Abarth nel 1971. Tutti posti sotto l'egida della FIAT. Che anche per anni ha sfamato una moltitudine di piccole officine, preparatori e carrozzieri offrendo telai e meccanica su cui fare varianti di tutti i tipi. Un fatto che ben rappresenta la storia della FIAT 1100. La cui base è stata utilizzata per barchette e auto sportive artigianali di ogni genere. Esattamente la stessa cosa che è successa con la 500, la 600, la 127, la 128 o la 850.

Tutti con più versioni in cui, sebbene la meccanica fosse stata rivista al rialzo, la carrozzeria è stata completamente trasformata. Un'abitudine che ha portato alla creazione di modelli interessanti di Pininfarina o Zagato, ma anche di altri firmati da aziende più modeste come Moretti. L'officina torinese fondata nel 1925, che dalla realizzazione di motociclette, microcar e veicoli commerciali passava allo sviluppo ex novo dei propri modelli. Una storia in cui sono apparse auto sportive interessanti come la 1200 GS del 1954.

Moretti 1200GS del 1954 a Villa d'Este 2021. Fotografia: Unai Ona

Tuttavia, alla fine degli anni Cinquanta, Giovanni Moretti non quadrava i conti sviluppando i propri telai e motori in modelli di breve durata. In questa situazione, ha fatto ricorso alla sua amicizia con Gianni Agnelli di fronte a fornitura basi FIAT. Una situazione che, pur nel rispetto dell'autonomia imprenditoriale di Moretti, ha trasformato il marchio in una filiale del colosso industriale specializzato in versioni speciali. Alcuni seducenti come la FIAT 128 Targa.

FIAT 128 MORETTI. LA VERSIONE PI ESCLUSIVA DELLE 128 DUE PORTE

Quando la FIAT ha lanciato la 1969 nel 128, sperava di ottenere esattamente ciò che ha fatto. Un bestseller dal Sud America all'Europa passando per il Medio Oriente grazie alla praticità tipica delle vetture di segmento C. Con questo approccio, Il 128 era un sostituto perfetto per il già ben ammortizzato 1100, nonché un'alternativa leggermente più economica a quello vario nella sua gamma 124 del 1966.. Tuttavia, il fatto che la 128 sia nata come veicolo per motorizzare le classi popolari non è stato un ostacolo alla comparsa di versioni speciali.

Le due più note sono nate sotto l'egida della stessa FIAT con gli occhi puntati su un pubblico giovane senza far salire troppo il prezzo. Qualcosa che è particolarmente evidente nel 128 Rally del 1971. La cui estetica sportiva con carrozzeria a due porte non nasconde differenze di meccanica rispetto alla berlina. Tuttavia, sulle varianti Sport Coupé e 3P il telaio è stato accorciato. Miglioramento sportivo che è stato accompagnato da motori più potenti che, sebbene esistessero già nella gamma delle berline, hanno dato brio con i loro fino a 80CV a questo veicolo progettato per le prestazioni sportive.

FIAT 128 Prima Serie Coupé

Personaggio che ha risposto a domanda di coupé sportivi basati su popolari modelli a basso costo. Una nicchia di mercato aperta con la 850 Coupé e seguita dalla già più costosa e accessoriata 124 Sport dove le versioni sportive della 128 occupavano una perfetta posizione intermedia. Proponendo anche una versione davvero esclusiva dal 1969 al 1976: la Moretti. Costruita in carrozzeria coupé ma anche nella ben più rara e appariscente targa. Il tipo di carrozzeria aperta ma con i vantaggi della rigidità di una coupé resa popolare da Porsche rende omaggio ai suoi successi nella Targa-Florio.

TANTA ESTETICA PER POCO MOTORE

Da quando Agnelli ha iniziato a fornire telai a Moretti, ha preso molto sul serio il suo lavoro come azienda focalizzata sulla trasformazione dei modelli FIAT. Lavori che, pur eseguiti presso la sede dell'Allestitore di Monginevro, sono stati offerti come prodotto ufficiale FIAT nella sua rete di concessionari. Così, come società controllata dal colosso torinese Moretti, ha lanciato versioni esclusive dei nuovi modelli FIAT poco dopo la loro presentazione. Per questo motivo, la FIAT 128 Moretti è stata introdotta nel 1969 entro poche settimane dal lancio della 128.

Disegnata da Dany Brawand -formata all'ombra di Giovanni Michelotti e autore della 850 SS Sportiva così affluente alla Dino di Aldo Brovarone- la FIAT 128 Moretti aveva linee molto suggestive. Così sorprendente che i meccanici non sono mai stati all'altezza del compito dallo stesso. Bene, sebbene visivamente sia un'auto sportiva, il motore scelto era il sobrio 1S da 1 litri con solo circa 128 CV. Abbastanza per spingere poco più di 55 chili del modello, ma incapace di dare coraggio al modello.

Un contrasto tra stile prestazionale e comportamento di utilità che ha appesantito il lancio commerciale della FIAT 128 Moretti. Qualcosa che è stato accoppiato con il prezzo elevato. Fino al doppio del prezzo di un 127 più piccolo ma davvero pratico. In questo modo, della versione targa sono state vendute meno di 80 unità secondo la conferma dello stesso Giovanni Moretti. Nel frattempo, la coupé ottenne molto più successo finché fu esportata in America. Un luogo dove il suo esotismo compensava la mancanza di coraggio al volante.

Un peccato originale che volle emendare nel 1975 con l'inserimento di un nuovo motore da 1290 cc della 128 berlina più performante. Un miglioramento fatto troppo tardi, poiché appena un anno dopo la FIAT 128 Moretti cessò la sua produzione, rimanendo per la storia come una delle varianti più rare dei popolari 124 e 128.

Fotografie: FIAT / Moretti / Unai Ona / Bonhams

PD Per quanto riguarda le fotografie utilizzate per illustrare un'unità FIAT 128 Moretti Targa, queste provengono dal catalogo di a asta di Bonhams con il telaio 1641124 come protagonista.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci